Schiume antincendio e sistemi CAFS caratteristiche e modalità d’uso.

L’11 ed il 12 di ottobre si è tenuto presso il Comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Brescia un seminario dal titolo: Utilizzo delle schiume antincendio.

Il tutto organizzato dal Comando di Brescia con il placet del Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco che ha altresì delegato il personale del Centro di Documentazione del Piemonte di redigere i documenti filmati che potranno essere utilizzati dalla Direzione Centrale della Formazione.

Il comando di Trento ha risposto positivamente alla richiesta di inviare due rappresentanti per fare da relatori e portare la propra esperienza.

Il seminario ha visto il ripetersi nei due giorni dello stesso programma al fine di favorire la partecipazione del maggior numero  possibile di personale operativo con l’aggiunta, nella sola giornata di giovedì 12 ottobre, di un momento di confronto dedicato ai  Funzionari..

Da sottolineare la presenza di rappresentanti dei Comandi della Lombardia che hanno favorevolmente risposto all’invito.

Qui sotto la presentazione utilizzata durante il seminario. e un piccolo estratto video (grazie al cs Mauro Lai per la ripresa video) ed un foglio di calcolo con impostate le formule per il calcolo del concentrato schiumogeno in funzione delle portate critiche e delle dimensioni dell’incendio.

 

 

 

https://luparisi.files.wordpress.com/2017/10/calcolo-consumi-schiumogeni.xlsx

 

CAFS e incendi di classe B

La Scuola Provinciale Antincendi della Provincia Autonoma di Trento ha organizzato una giornata studio sui sistemi di spegnimento CAFS (compressed air foam system). Scopo della giornata era quello di verificare l’efficacia dei sistemi CAFS in caso di intervento su incendi di idrocarburi. Le informazioni rilasciate dai costruttori sono per lo più incentrate sull’efficacia nello spegnimento di incendi di solidi, mentre per i liquidi le informazioni sono molto deficitarie. Sulla scorta di queste considerazioni si è deciso pertanto di finanziare il progetto di studio. L’esigenza di disporre di un adeguato campo prove con le necessarie autorizzazioni ad accendere fuochi, anche di notevoli dimensioni, ha fatto propendere la scelta nei confronti dell’APT di Pavia. L’APT è una realtà molto nota nel campo dell’antincendio in Italia, quotidianamente vi vengono svolte prove a fuoco, essa dispone quindi anche del necessario know-how per poter portare a termine i test in sicurezza.
In generale nella lotta antincendio è molto importante che gli operatori conoscano molto bene l’attrezzatura che sono chiamati ad utilizzare durante le operazioni di spegnimento. Questa conoscenza si può ottenere con l’addestramento e con la frequenza all’uso dell’equipaggiamento nell’attività interventistica. La casistica degli interventi coinvolgenti spandimenti e conseguente incendio di liquidi infiammabili è, fortunatamente per la collettività e per l’ambiente, molto bassa. Questo si traduce però in un handicap per chi è chiamato a fronteggiare tali eventi, perché  viene a mancare l’esperienza interventistica e poi perché la formazione agli interventi che si ritengono improbabili pian piano scema. L’attrezzatura specifica per fronteggiare incendi coinvolgenti liquidi infiammabili è conosciuta da tutti i vigili del fuoco, ma se si pensa alla frequenza con la quale essa viene provata, ritengo che gli intervalli di tempo siano molto ampi. Il fatto di conoscere il principio di funzionamento, perché lo si è studiato all’inizio della propria carriera di vigile, non necessariamente comporta che si riesca a metterlo in pratica in maniera efficace sotto la pressione di un intervento, magari di grandi dimensioni.

Le “regole” da seguire per un corretto utilizzo degli strumenti idonei ad affrontare gli incendi di idrocarburi non sono molte in verità ma è indispensabile soddisfarle tutte pienamente:

  • il premescolatore deve avere la medesima portata della lancia schiuma ;
  • la perdita di carico del premescolatore va fissata in circa tre bar;
  • per produrre schiuma la lancia abbisogna di cinque bar;
  • il sistema va alimentato con almeno otto bar in uscita dalla pompa;
  • bisogna evitare sia i dislivelli fra il premescolatore e la lancia sia le strozzature nella manichetta che impediscono il processo di formazione della miscela acqua-schiumogeno.

I sistemi di miscelazione della schiuma in pompa ovviano alla maggior parte dei possibili inconvenienti elencati, ma hanno il difetto di essere potenzialmente soggetti a problemi dovuti alla cattiva manutenzione o alla non familiarità degli operatori, che ne compromettono l’efficacia. Quante volte abbiamo visto le incrostazioni formate dallo schiumogeno vecchio che ostruiscono i fori calibrati. Ancora peggio, per produrre la miscela alcuni veicoli richiedono una notevole dimistichezza con lo stesso.

La formazione continua e sistematica sulle attrezzature specifiche ma anche sulle tecniche di spegnimento da adottare rappresentano la soluzione a molti inconvenienti, ma sappiamo che questo è difficile da realizzare in quanto il ventaglio di interventi che i vigili del fuoco devono affrontare è estremamente ampio e in continua evoluzione.

Ecco quindi la necessità di avere in dotazione un sistema di spegnimento che sia realmente efficace nella maggior parte degli interventi; un sistema familiare, utilizzato in molte circostanze e che non lasci spazi a errori dovuti allo scarse occasioni di impiego.  Che mantenga la stessa struttura di base per contenere e bloccare l’incendio limitando il pericolo.

Le premesse che il CAFS risponda a queste esigenze ci sono, si tratta di verificarle sul campo. Scopo della giornata studio promossa è di verificare la reale consistenza di queste possibilità.
Le prova effettuata riguarda, come abbiamo detto, lo spegnimento di idrocarburi liquidi.
I test sui liquidi hanno previsto l’incendio di petrolio lampante in una vasca dell’area di 50mq con tempo di preaccensione di 60 secondi. Gli spegnimenti sono stati effettuati utilizzando due CAFS diversi (Ziegler e Rosenbauer) con tre diversi schiumogeni (Profoam, Dr Sthamer e One Seven Gimaex), mantenendo però costanti gli operatori e l’attrezzatura. Per quest’ultima è stato scelto di utilizzare la lancia tipo che viene usata nei comuni incendi di solidi la cosiddetta “lancia americana”, nello specifico una AWG Turbo-Nozzle 2400 impostata su una portata di 400 l/min e cono d’apertura finale a 60° circa. L’alimentazione dalla pompa era effettuata attraverso un’uscita tipo B, divisore e due tubazioni tipo C.

Risultati spegnimento vasca petrolio lampante

Risultati spegnimento vasca petrolio lampante

L’uso di una lancia standard, dello stendimento tipo, e delle impostazioni CAFS abituali ha permesso agli operatori di poter essere da subito efficaci. Le quantità di estinguente utilizzate (pur se diverse tra una prova e l’altra) sono decisamente limitate. Le prove nr 1;2;4 hanno previsto l’uso dello schiumogeno per gli incendi di classe A, combustibili solidi, dimostrando che possono essere utilizzati anche su questo tipo di incendi. Un’accortezza da usare è quella di aumentare la concentrazione consigliata. Per esempio da 0.5 a 1 %. Così facendo anche uno schiumogeno per classe A risulta idoneo allo spegnimeto di incendi di classe B.  Nella prova nr 3 è stato utilizzato uno schiumogeno per CAF specificatamente studiato per incendi di idrocarburi. Il totale di acqua e schiumogeno necessari per lo spegnimento, rispettivamente 142 e 0,9, sono indice di un’efficacia notevole.

Le prove effettuate hanno dimostrato l’efficacia dei sistemi CAFS anche in incendi di classe B, coinvolgenti idrocarburi liquidi.

Luca