A learning experience (Un’esperienza formativa)

Come già successo in passato ospito un articolo di un collega. In questo caso è un collega olandese, Lauran Welling.

lauran-welling-bio

Lauran è un istruttore professionale che opera per uno dei leader mondiali della formazione: Falck Fire Academy (Per chi fosse interessato questo è il sito web: http://www.falck.nl/en/fire_academy/).  Egli è impiegato presso il centro di formazione di Rotterdam, città nella quale presta anche la sua opera di vigile del fuoco volontario. Queste sue attività strettamente correlate tra loro sono il frutto di essere cresciuto in una famiglia dove l’emergenza era di casa (EMS). A causa di alcuni “quasi incidenti”, ha deciso di impegnarsi nel diffondere le conoscenze acquisite al fine di portare il proprio contributo per migliorare la risposta agli incendi. Ha un canale yuotube dove posta alcuni video formativi: https://www.youtube.com/channel/UCQxjKpZ38MH5JHI_eHagFiw

In questo articolo dopo una breve introduzione, ci racconta di come delle situazioni apparentemente di routine e usuali si possono trasformare in eventi significativi e che lasciano il “segno”.  Nel contempo però possano essere uno sprone per essere aggiornati e a non aver paura dei cambiamenti.

Buona Lettura!

 

A learning experience  by Lauran Welling

Brotherhood.

lauran-welling

All over the globe whenever you talk to a brother or sister firefighter he or she’ll tell you that there is no better job on the planet. Living in a building for 24 hours with a crew which through time becomes your family is not just something you’ll find in any other job. The best job in the world but not one without danger.

In the past few years I’ve been able to get used to that feeling. Being a volunteer firefighter in Rotterdam (The Netherlands) means that you are able to fill in open spots in the retained schedule during holiday periods and sickness of colleagues. Due to the fact that I’ve been earning my money working in the offshore industry I had loads of time and I have been able to get to know a decent amount of my colleagues.

Near Miss

It’s Monday 5 September 2012 when I report to fire station Baan Rotterdam, one of the busiest houses in The Netherlands. After dealing with a small fire on a boat we nearly had our tools and equipment back on the truck when dispatch reported a building fire just a few streets away from our position. At this time, I had been in and around fire houses almost my whole life, did my courses and had been present at every training moment. Due to what I now understand as a under ventilated fire and a wrongful created flow path by me and my crew and the lack in gas cooling we were surprised by a form of rapid fire progress.  After my shift, I came home and started to wonder: Why did the event occur? What did we do wrong? How was I able to prevent such things from happening?

Changing Jobs

And so, my search for knowledge begun. I changed jobs and started to work as a full-time fire instructor at Falck Fire Academy. When I became an instructor, I quickly learned that a whole new world just opened. Every topic: It doesn’t matter if it is compartment fire behaviour, industrial firefighting, hazmat response or any other topic for that matter. There is so much more to learn than your basic firefighting education teaches you.

By listening to my colleagues, I learned a lot and today I feel very fortunate that I work in an environment where I can spar on a daily basis with my colleagues. If it wasn’t for them I would still have the same outdated and limited knowledge.

Accident lauran-welling-burns

It’s the 28 of January 2015 when disaster strikes. During a training session, I got burned badly. I was assisting a colleague with his training when I was simply standing to close to the fire. I thought I understood and I thought I could predict what would happen. My colleagues showed me the exercise hundreds of times and I used the same exercise to show trainees what the radiative heat of a 9 m2 liquid spill means. By standing too close, flames rolled over my shoulders, shot beside my helmet and touched my face.   As a result, I got second degree burns on my lips, nose, eyelids and cheeks.

I learned a hard lesson when I thought I knew what was coming. Similar as the building fire, afterwards I walked around with the question: Why? … In this case, it was a change in weather conditions. Conditions I couldn’t have predicted but as a qualified firefighter I should have known to take a safer distance from the fire.

Science

Often we respond or relate to our experience as was I when I made the decision to stand on that particular point. By asking the why question over and over again, I saw the lack in actual proven theories and tests. Today we live in the lucky circumstances that there is knowledge to be found on every internet page and on loads of forums. Testing and small training props are the key to bring science to the fire service. To give an example: I’ve spend numerous times in a Split-Level Cell. A Containerised training object where firefighters can learn about fire behaviour.

It was only after I burned my first doll houses and talking to Shan Raffel & Paul Grimwood that I started to make sense of what I was actually seeing when I enjoyed a Split Level Cell Training. It was only then When I started to connect the dots and danger levels to a real fire.

Change

You would think that when one has a solid story it would result in the change of tactics. Many of my teachers will tell you that this is a slightly more difficult problem than you would think. Everyone has his own reason not to change. There are plenty studies and articles to be found about this subject.

Leadership

Since I just turned thirty I’m not in a position to correct anything about what’s right or wrong on this subject. What I can is write a little about the problems every fire service will have if you won’t support your younger crew. My lieutenants and chief officers come from a great deal of experience, and right or wrong, safe or unsafe, they have always been able to put fire out. Due to newer building regulations, better public safety programs and numerous of other measures grades show a decade in fires and accidents. That decay doesn’t mean that those fire and accidents will never happen again. With the knowledge that fires will keep getting harder to fight there might be one day that the whole team of responding members won’t have the support of that experience. If you’re in a leadership position I would recommend the embrace of change. Change where you will support the younger members of the team and put them in front when they have something to share. After sharing, don’t forget that they still need your guidance and your support within the current crew.

Thanks

Through this text I would like to say a special thanks to all the people I’ve been learning from in the past few years. The craft of fighting fire is probably the most diverse craft you will ever find and only through guidance, teaching and humility we will be able to get better, create more and better training programs and grow closer as an international brotherhood.

Thanks!

This article was made possible by:

[1] Gerben Welling [2] Marcel Woestenburg [3] Shan Raffel [4] Karel Lambert [5] Paul Grimwood [6] Jelle Groenendaal [7] Benjamin Walker [8] Victor Groenewegen [9] Dennis Kusters [10] John van Delzen

Seminario Brescia 2017: Presentazioni 2/3 “Ventilazione”

Qui sotto è possibile visualizzare la presentazione utilizzata durante il seminario. Mi preme sottolineare che la sola sequenza di slide rischia di non trasmettere il messaggio in maniera corretta ed esaustiva, dal momento che vengono utilizzate come supporto e traccia della voce narrante. Buona lettura!

 

 

Se gli scenari d’incendio sono cambiati   cosi tanto negli ultimi anni, le nostre tattiche e tecniche dovrebbero cambiare  di conseguenza.

  “…il modo in cui l’abbiamo sempre affrontato, non è sufficentemente corretto”

  Steve Kerber ULFSRI (USA)

Strumenti, tecniche e tattiche combinati tra loro permettono operazioni più sicure,  più efficienti e più efficaci.

  3T Firefighting

Arturo Arnalich

 

Seminario Brescia 2017: Presentazioni 1/3 “La pesante eredità di ogni incendio”

Foto a cura del Centro Documentazione Video Milano

Foto a cura del Centro Documentazione Video Milano

 

Obbiettivi della formazione

Nei giorni scorsi ho avuto l’onore di essere invitato a parlare ad una platea qualificata di vigili del fuoco dei comandi della Lombardia. È meglio specificare che l’invito non era ad personam ma rivolto all’istituzione di cui faccio parte e che mi ha incaricato assieme ad un collega di rappresentarla. Il tema del seminario era “tecniche di attacco all’incendio al chiuso e ventilazione”. La prima cosa che mi sono chiesto è “cosa dico a più di 200 vigili del fuoco tra vigili, capi squadra e reparto che assieme sommano 5000 anni di esperienza interventistica? In che cosa potrei essere utile a loro? Come si può parlare efficacemente di un’attività che è prettamente pratica? Come poter affrontare una tematica così ampia in sole otto ore? È meglio parlare tanto di poco o poco di tanto?”

Con il collega ci siamo interrogati su questi aspetti, abbiamo preso in considerazione molte possibili combinazioni di argomenti e tematiche. Purtroppo ognuna di quelle inserite andava a discapito delle altre e risultava difficile fare delle scelte. Non è stato facile stabilire cosa poteva essere tralasciato.

La decisione finale è stata quella di spostare il focus dalla tecnica in sé e di orientarlo verso un momento di confronto motivazionale. Confronto perché parlando a personale con anni di esperienza diretta sul campo lo scambio di esperienze e il ragionamento a più voci è la via migliore per affrontare tematiche delle quali si hanno esperienze dirette. Motivazionale perché solo una forte spinta emotiva può portare a modificare atteggiamenti radicati e consolidati. In altre parole, devo essere convinto che i vantaggi del cambiamento, superino la fatica e lo sforzo che ogni modifica delle nostre abitudini comporta. Una precisazione doverosa, nessuno di noi pretende di diffondere il Verbo. Ci prefiggiamo semplicemente di offrire un altro punto di vista, di osservare la realtà da un’altra angolazione.

I nostri obbiettivi erano:

  • Chiarire cosa universalmente si intende con il termine ventilazione;
  • Stabilire un vocabolario comune. Questo per dar modo a tutti di poter cercare i necessari approfondimenti; purtroppo non esiste molto materiale informativo in lingua Italiana, per fare un esempio se cerchiamo informazioni sulla ventilazione positiva durante l’attacco all’incendio e non sappiamo che viene definita PPV, rischiamo di non trovare nulla;
  • Dare delle indicazioni sull’importanza di valutare in continuazione lo scenario incidentale (valutazione dinamica). Questo perché le operazioni di ventilazione hanno un grande impatto sull’incendio;
  • Definire esattamente cosa si intende per tecniche, tattica e strategia;
  • Individuare quali sono i pro e i contro di ventilare o di applicare una tattica di antiventilazione;
  • Esporre i rischi ai quali il personale è esposto durante e dopo l’attività di lotta all’incendio;
  • Individuare le azioni piccole e grandi che ogni singolo individuo può mettere in campo per ridurre i rischi associati alla lotta agli incendi.

Qualcuno, al termine del seminario ci ha detto che forse era meglio entrare più nel dettaglio di questa o di quest’altra tecnica. L’osservazione è comprensibile e in un certo modo anche condivisibile. Purtroppo abbiamo dovuto prendere una decisione per questioni di tempo, optando per quegli argomenti sui quali potevamo incidere maggiormente come relatori e suggerendo altresì degli input affinché ognuno potesse poi poter approfondire autonomamente (in un secondo momento) gli altri.

Io credo che potremmo considerare raggiunto il nostro obiettivo nel caso in cui una buona percentuale dei partecipanti ha ricevuto l’impulso di approfondire queste tematiche. Creare le giuste condizioni perché vi sia l’impegno in prima persona nella ricerca ed approfondimento è lo scopo principale di ogni formatore. Come formatori non dobbiamo andare alla ricerca di facili consensi. Meglio in certe occasioni scatenare dei ‘fastidi’ che siano da spunto per ragionare e studiare.

In questa prima presentazione (prima di tre) è trattata la tutela della salute dei vigili del fuoco in intervento. Sempre più sono gli studi che all’estero evidenziano l’incidenza di talune forme tumorali nei soccorritori. Un vigile del fuoco con vent’anni di servizio è passato da un fattore di rischio di 0,8 (all’inizio della carriera) ad uno attuale di 1,2. Purtroppo i dati riportati sono esclusivamente di provenienza estera e nonostante l’impegno per cercare degli studi effettuati in Italia non sono riuscito a trovare nulla. Se qualcuno avesse notizia di elementi e statistiche nostrane sarei molto grato se me ne desse notizia.

 

 

 

 

Il materiale coinvolto nella simulazione è legno non trattato (per quanto sia possibile al giorno d’oggi). Pannelli in legno truciolato con un minimo contenuto di colle e bancali. Chi era all’interno aveva una vestizione completa compreso il sottocasco. Al termine dell’esercizio della durata di circa 20 minuti, uno dei partecipanti ha provveduto a passare sulla testa, nuca e collo una salvietta igienica. Il risultato di questa azione è chiaramente visibile.  Source Christoph Gruber ready4fire.at

 

 

Come premesso durante il seminario, in questo video vi sono dei contesti che ai nostri occhi possono sembrare fantascienza. Locali per la decontaminazione in depressione, lavatrici per DPI (sia APVR che completo da incendio EN469) con relative asciugatrici, separazione della zona in cui sono stoccati i Dpi dai locali in cui soggiorna il personale operativo, ecc. Comprendo la frustrazione di quanti ritengono siano cose dell’altro mondo. Questo però non deve oscurare quegli elementi che sono invece immediatamente attuabili da ciascuno di noi sin da subito. Avere in dotazione un paio di guanti in nitrile e un facciale filtrante FFP 2 o 3 è alla portata di tutti. Posizionare se possibile il mezzo sopra vento e chiudere porte e finestrini lo possiamo fare dal prossimo turno. Prevedere di avere con sé dei sacchi neri dove inserire i DPI contaminati è un accorgimento alla portata di tutti (con le considerazioni che sono emerse durante il seminario). Aumentare la sensibilità dei colleghi è un investimento a costo zero. Purtroppo è a costo zero economicamente parlando ma non lo è per nulla se si considera il tempo e il fatto di mettersi in gioco in prima persona. A mio avviso questa è l’azione con i maggiori risvolti utili ma anche la più impegnativa.  Source Healthy Firefighters – the Skellefteå Model

Non solo quando e perché ma anche in che ordine!

Da un po’ di tempo a questa parte quando penso alla formazione c’è qualcosa che mi sfugge e che non riesco a delineare completamente. Avrei fatto meglio dire c’era perché ora sono riuscito a cogliere l’essenza di quello che solo parzialmente intravedevo. Colui che ha permesso di togliere questo velo è Lars Agerstand o per meglio dire Lars Axelsson come si chiama ora. Partecipare al corso “International fire behavior and suppression course” lo scorso autunno è stato illuminante. Quanto scritto qui sotto riflette in parte quanto affermato da Lars durante il corso. Il titolo parafrasa una celebre affermazione di Ed Hartin: “non solo cosa e come ma soprattutto perché”.

A loro due  va tutto la mia gratitudine.

Quando si progetta la formazione si devono tenere presente molti aspetti. Si dovrebbero innanzitutto dividere i compiti sulla base delle competenze e del ruolo rivestito all’interno dell’organizzazione. I livelli principali possono essere riassunti in:

  • Dirigenziale;

  • Progettuale;

  • Realizzativo.

Dirigenziale

Questo livello è quello che individua i bisogni formativi della propria organizzazione. Lo fa attraverso l’analisi delle esigenze specifiche, delle richieste che arrivano dalla base e non meno importante per essere in regola con la Legge (corsi obbligatori contenuti nell’accordo stato regioni per fare un esempio). Avendo ben presente le esigenze si utilizzeranno le risorse disponibili sulla base delle priorità che vengono individuate. Al termine di questo processo la dirigenza darà l’incarico per la progettazione e realizzazione dei corsi.

Progettuale

Coloro che compongono questo gruppo di lavoro sono persone che hanno specifiche competenze nel progettare i corsi di formazione. Devono avere competenze in ambito tecnico della materia in oggetto ma devono anche essere in grado di realizzare il percorso di formazione in toto. Quindi si occuperanno di redigere il materiale didattico, individuare la modalità di erogazione e stabilirne la durata necessaria per raggiungere gli obbiettivi preposti.

Realizzativo

In questo livello vi sono i formatori. Essi devono essere abilitati per quello specifico argomento e devono sostenere delle riqualificazioni a cadenza periodica stabilita dalle politiche locali o nazionali qualora ve ne siano. Il materiale, la tempistica e le modalità di erogazione della formazione che sono stati loro indicati devono essere rispettati fedelmente da tutti loro.

 

In questa fase storica talvolta mi sembra che questi livelli si mescolino l’un l’altro. Questo avviene perché non ci si è dati un organizzazione rigida ed efficiente. Quando questo avviene è il momento che proliferano i battitori liberi. Confesso, io sono uno di loro. Partendo da questo presupposto e cospargendomi il capo di cenere anticipatamente mi cimento nell’individuare quelli che sono i bisogni formativi, nel progettare la formazione e di realizzarla. Pacchetto completo tre in uno!

In questo scritto mi concentrerò sui primi due, individuazione delle esigenze e progettazione della formazione.

Uno degli argomenti più trend in questi ultimi anni è la formazione cosiddetta CFBT o in Italiano incendi al chiuso. È sicuramente un argomento importante e che viene sentito da molti di noi come una delle esigenze formative maggiori. Ma qual è lo standard, la norma che stabilisce quale e quanta formazione deve essere realizzata? La risposta è presto detta, non esiste uno standard. Non è ancora stata scritta una norma che individui chiaramente quali sono gli argomenti principali da affrontare oppure quante sessioni di addestramento con fuoco reale debbano essere realizzate. Siamo in buona compagnia, perché questo avviene più o meno in tutto il resto del mondo. Alcune nazioni si sono date alcune indicazioni ma sono per lo più delle buone pratiche.

La formazione buona o scarsa che sia lascia degli strascici in quanti l’hanno “subita”. Molto spesso sono degli aspetti positivi che vengono riportati a galla nel momento del bisogno, a volte invece sono dei comportamenti sbagliati appresi in sede di training che riaffiorano durante un evento emergenziale. Quanto avviene durante una sessione di formazione non resta solo lì ma ha delle conseguenze in seguito. Purtroppo quando si parla di formazione il detto: “what happens in vegas, stays in vegas” non è applicabile.

Un esempio esemplificativo è un episodio realmente accaduto in un centro di formazione del Regno Unito. In questo training center vi è la regola che all’interno della struttura adibita alle simulazioni a fuoco, quando si incontra una porta chiusa a chiave significa che per quell’occasione quel locale non è parte dell’esercitazione. Questo è legato al fatto che si cerca di modificare per quanto possibile il layout della casa a fuoco per rendere le simulazioni meno ripetitive e quindi più veritiere. La policy locale prevede che ogni vigile esegua due passaggi all’anno con fuoco reale. Un operatore con cinque anni di esperienza ha quindi almeno dieci passaggi. Un giorno durante un intervento per incendio, una squadra che era all’interno in un operazione di Search&Rescue sorpassò il locale dove vi era l’incendio in quanto la porta del locale era chiusa a chiave. Il riflesso automatico che si era fissato nel comportamento dei vigili è il risultato della formazione realizzata negli anni. Le conseguenze per la squadra furono pesanti, il non aver individuato il locale dove vi era l’incendio mise la squadra d’attacco in una pessima posizione avendo la via d’uscita sbarrata nel momento che la porta ha ceduto all’incendio.

Questa responsabilità è un fardello che ogni persona che si cimenta nel progettare e realizzare momenti formativi sente (o almeno dovrebbe, a mio giudizio). Specialmente con una tematica come gli incendi al chiuso le informazioni che si erogano, la modalità e la sequenza hanno una rilevanza notevole. Se risulta semplice capire perché sia importante cosa e come si danno le informazioni, risulta meno chiaro il ruolo posseduto dalla sequenza con cui si erogano le nozioni. Facciamo un esempio con la formazione cosiddetta CFBT.

Attualmente la sequenza con cui vengono affrontati gli argomenti universalmente adottata è:

Studio del fenomeno incendio → studio delle azioni di contrasto all’incendio → attacco interno → attacco esterno → ventilazione.

Questo flusso pedagogico riflette quelle che sono le priorità dal punto di vista della didattica. Queste priorità si riflettono anche nella sequenza delle azioni che si mettono in atto o si ipotizzano durante la valutazione dinamica dell’evento incendio. Prima cerco di capire dove va l’incendio, poi valuto le mie capacità di contrastarlo effettuando un attacco interno. Se non fosse possibile effettuo un attacco esterno. Infine prendo in considerazione la ventilazione. Tale schema che ha funzionato e funziona ancora, prevede di porre l’accento sull’attacco interno. Questo però dovrebbe essere la modalità di contrasto all’incendio che avviene come ultima ipotesi nel caso in cui le altre azioni non siano realizzabili.

Vi è la necessità di creare sin da subito uno stretto legame tra la formazione e la realtà operativa. La prima deve essere funzionale alla seconda. La sequenza che si vuole proporre sarà quindi:

Studio del fenomeno incendio → studio delle azioni di contrasto all’incendio → attacco esterno → ventilazione → attacco interno.

Con l’adozione di una simile sequenza ci si prefigge di dare un imprinting determinante per fissare la giusta concatenazione di valutazioni che debbono essere realizzate durante un intervento. Prima cerco di capire dove va l’incendio, poi valuto le mie capacità di contrastarlo effettuando un attacco dall’esterno (transitional attack, lancia piercing, fognail o Cobra et simili). Se questo non fosse possibile, ne si valuta l’inefficacia oppure come azione immediatamente successiva si deve prendere in considerazione la possibilità di ventilare i prodotti dell’incendio per poi effettuare un attacco all’interno. Se le condizioni dell’incendio non permettono la ventilazione (PPV o PPA) si procederà con un attacco interno.

Quali sono le ragioni che impongono di modificare il flusso formativo oltre a quanto esposto in precedenza?

  • L’attacco interno comporta l’esposizione ad una possibile propagazione rapida dell’incendio;
  • L’attacco interno comporta l’esposizione degli operatori ad un atmosfera carica di prodotti tossici;
  • L’attacco interno comporta che al termine dell’intervento gli operatori debbano essere decontaminati;
  • L’attacco interno comporta che al termine dell’intervento le attrezzature e i DPI debbano essere decontaminate.

Questo non vuol dire che non si farà più l’attacco dall’interno, semplicemente lo si deve adottare quando le altre possibilità non possono essere attuate.

Ora che abbiamo un po’ più chiari i rischi di un attacco interno offensivo, prendiamo in esame come possiamo agire dall’esterno su di un incendio al chiuso regolato dal comburente.

Nel prossimo articolo parleremo dei possibili sistemi (sia attrezzatura che tattica d’incendio) attualmente in uso.

SEMINARIO SULLE TECNICHE D’ATTACCO DELL’INCENDIO AL CHIUSO-seconda parte

Seminario Brescia 2014

Di seguito la seconda parte del video ripreso durante il seminario di Brescia. L’oggetto del video è: dove indirizzare l’acqua all’interno del compartimento interessato e la sua efficacia in funzione degli obbiettivi prefissi. I dati espressi nel video saranno oggetto di un articolo che verrà pubblicato a breve.

SEMINARIO SULLE TECNICHE D’ATTACCO DELL’INCENDIO AL CHIUSO-prima parte

Prefazione

Nel settembre del 2014 si è tenuto presso il comando Vigili del Fuoco di Brescia una “due giorni” dal titolo: “Seminario sulle tecniche dì attacco dell’incendio al chiuso”, organizzato dal comando di Brescia e condotto da due rappresentanti della Scuola Provinciale Antincendi di Trento. Le due giornate hanno visto la presenza di circa 150 partecipanti tra funzionari, capi reparto, capi squadra e vigili provenienti da tutta la Lombardia.

Seminario Brescia 2014

Ringraziamenti

Il merito dell’organizzazione del seminario è da attribuire alla perseveranza e all’impegno del vigile Matteo Angeletti del comando di Brescia nonchè al direttore della Scuola Provinciale Antincendi di Trento (e attuale comandante del Corpo Permanente di Trento), ing. Ivo Erler. Quest ultimo sempre molto sensibile nell’autorizzare la partecipazione a simili momenti di condivisione.

Non posso fare a meno di ringraziare uno dei relatori, l’amico CSE Cesare Marzolla del comando di Vercelli, una delle persone più competenti e preparate nel nostro mondo che per quanti si occupano per passione e professione di lotta all’incendio rappresenta un punto di arrivo difficilmente eguagliabile.

Le riprese sono frutto del prezioso lavoro del vigile Roberto Crotti del comando di Brescia, che ringrazio, così come sono riconoscente per la collaborazione il vigile Marko Meltika del comando di Venezia.

Programma

  •       08.00-08.30  Apertura dei lavori

-Illustrazione del programma del seminario;

  •        08.30-12.00  Comportamento del fuoco in ambiente confinato

Generalità:
– Principi della combustione;
– Modi di propagazione e percezione del calore;
– Pirolisi e sviluppo della combustione;
– Fiamma premiscelata e fiamma di diffusione;
– La produzione di fumo di incendio in ambienti confinati;
– I 5 pericoli del fumo;
– Combustione controllata dal combustibile o dal comburente;
– Segnali della transizione del controllo della combustione dal
combustibile al comburente;
Flashover:
– Flashover: condizioni al contorno e segni
premonitori;
– Flashover indotto dalla ventilazione;
Backdraft:
– Backdraft: condizioni al contorno e segni
premonitori;
– Potenza, modalità di innesco e tempi di attivazione di un
backdraft;
– Backdraft in presenza di aperture di sfogo dei fumi;
FGI – Fire Gas Ignition:
– FGI: condizioni al contorno e segni premonitori.

  • 12.00-13.00  Utilizzo dell’acqua nell’incendio al chiuso

-Individuazione e scelta dei possibili obbiettivi sui quali
gettare l’acqua;
-Smokecooling: dimensione delle gocce e capacità di
estrazione del calore (tempo di sopravvivenza).

  • 14.30-15.00  Manichette e lance (modulo teorico)

-Lance a getto cavo e a getto pieno.

  • 15.00-17.00  Tecniche di lancia (modulo pratico)

-Tecniche di progressione e raffreddamento dei fumi;
– Attacco pulse-penciling.

Nel video quì sotto (prima parte di tre) si riporta il mio intervento nel quale si intende analizzare un evento realmente accaduto.

L’evento in oggetto fa riferimento ad un incendio che ha portato alla morte di nove vigili del fuoco a Charleston in South Carolina il 18 giugno 2007 minuziosamente analizzato da un ente governativo statunitense. Al termine del procedimento viene rilasciato un rapporto pubblico. Oltre alla ricostruzione degli accadimenti vengono emanati  dei suggerimenti per prevenire incidenti simili. L’analisi dei casi di studio è molto utilizzata anche in altre nazioni. Il rapporto di prova completo e altro materiale possono essere reperiti ai seguenti link:

https://www.cdc.gov/niosh/fire/reports/face200718.html

https://www.usfa.fema.gov/data/library/research/topics/top_charlestonsofa.html

Filmato intervento Parisi Luca – prima parte

 

La speranza è che questo spazio possa diventare un luogo dove confrontarsi e crescere assieme. Non esitate quindi a commentare.

Possiamo permettercelo?

Vi è mai capitato di entrare in un fast food? McDonald’s, Burger King, Starbucks non importa quale. Vi ricordate cosa avete ordinato? Qual è il piatto che preferite? Un happy Meal? oppure un hamburger con ketchup, un double cheeseburger con chili pepper, un Big Mac, oppure un milk shake accompagnato da una fetta di apple pie?

Cambiamo completamente argomento, vi ricordate qual era l’argomento che ci toglieva il sonno in qualità di cittadini Italiani due anni fa? Scommetto che ha tanti viene l’urticaria al solo nominarlo il famigerato spread. In quei giorni si parlava dello spread tra i BTP Italiani e tedeschi. L’Italia e la stessa Europa erano a rischio default.

Altra situazione, sul vostro smartphone è consuetudine effettuare il download delle app che più vi interessano direttamente dallo store. Una ricerca ha evidenziato che in Italia WhatsApp è la chat più utilizzata, ne usufruisce il 56% di coloro che accedono al web da mobile. I vari social network sono ormai parte integrante della nostra vita.

Qual è il filo conduttore di questi esempi apparentemente slegati tra di loro? Quello che li accomuna è un uso di termini in inglese che ormai sono parte della nostra quotidianità e ai quali molto spesso non ci facciamo nemmeno più caso. Le ragioni sono molteplici:

  • Una certa predominanza economica e sociale di quello che viene da oltre atlantico;
  • La famosa e vituperata globalizzazione;
  • Un appiattimento al ribasso delle specificità nazionali.

Le motivazioni sono variegate, certo è che in alcuni casi oltre che aspetti negativi vi sono anche aspetti positivi:

  • Esprimere concetti che in Italiano non hanno un omologo. Bisogna riconoscere la facilità con cui la lingua inglese riassume in un termine solo quello che in Italiano richiede più di una parola;
  • Possibilità di condivisione tra culture e lingue diverse.

Se dicessimo che per pranzo andiamo in un osteria che serve cibo veloce per mangiare un panino con manzo tritato cotto alla piastra con salsa di pomodoro dolce, almeno qualche sguardo stupito e divertito lo attireremmo!

Cosa potremmo fare per evitare questa situazione? Probabilmente vi sarebbe la necessità di uno scatto d’orgoglio nazionale che porti ad un abbandono di tutti i termini esterofili sostituendoli con degli omologhi in Italiano. Un’operazione di convincimento e rimodulazione, a partire dalle nuove generazioni. Un investimento nel formare gli educatori che a loro volta trasmettano questi concetti ai loro allievi. Indubbiamente poi servirebbe un lavoro di ricerca e studio per la definizione dei termini appropriati per tradurre nella lingua che fu del Sommo Poeta, i concetti espressi in inglese.

Anche così però, a mio avviso, si rischia di scadere in una sorta di sentimento di inferiorità. Sono cioè costretto a fare mio ciò che altri hanno precedentemente sviluppato e studiato. Cosa da non confondere con il sentimento di orgoglio per le eccellenze Italiane. È un po’ la stessa differenza che passa tra l’autarchia del ventennio fascista e la difesa del Made in Italy a discapito di quanti lo voglio copiare.

Torniamo nel nostro mondo e facciamo un parallelo tra quanto detto precedentemente e l’antincendio in Italia. Esiste una certa forma di diffidenza mista a sentimenti di lesa maestà quando si utilizzano termini in inglese affrontando l’evoluzione di un incendio. Mi è capitato recentemente di parlare ad un gruppo di Capi squadra molto più esperti di me. Al solo nominare le parole flashover e backdraft ho visto i colleghi agitarsi sulla sedia peggio che se fossero su di un giaciglio da fachiro. Esiste un problema nell’usare terminologia non Italiana. Sì, solo se il concetto che vi è dietro non è compreso. Ma questo è un problema del formatore non del termine in se. Se spiegando il Backdraft vengono fissati gli elementi salienti, e cioè che è la possibile conseguenza di un incendio governato dal comburente in seguito alla successiva disponibilità del comburente, non ritengo indispensabile tradurre backdraft in “ripristino della corrente di convezione” (ci vuole di più a dirlo, che il fenomeno ad avvenire, e notoriamente il backdraft può essere differito nel tempo!).

Il problema non è se tradurre o meno le parole, il vero dramma è la mancata conoscenza di questi fenomeni e dei possibili effetti sulle squadre operanti in intervento. Utilizzare il termine flashover, piuttosto che PPV non è sminuente rispetto all’orgoglio nazionale. Ferisce molto di più sapere che il resto del mondo è andato avanti e noi siamo rimasti fermi al palo.

Tornando al titolo, possiamo permetterci di investire tempo e risorse nel tentativo di italianizzare ciò che altri hanno già studiato, analizzato, definito sin dei minimi particolari? Abbiamo abbastanza risorse per farlo? Possiamo permetterci di ripartire dall’anno zero, come se queste tematiche fossero appena state scoperte? Nel mondo globalizzato in cui viviamo, quello in cui la rete ti permette di fruire delle conoscenze messe a disposizione da colleghi che vivono dall’altra parte del mondo, la risposta è no. Non possiamo permettercelo. Dobbiamo invece sfruttare il più possibile il lavoro svolto da altri.

In conclusione vi chiedo, quanti di voi hanno letto ancora uno spartito musicale? Indipendentemente in quale lingua sia scritto alcuni termini sono espressi nel medesimo idioma. L’indicazione del tempo è data da termini precisi ideati nel corso di storia della musica originalmente in lingua italiana, tanto che tali termini italiani sono utilizzati in tutto il mondo. Non necessitano di traduzione, in quanto universalmente riconosciuto. Come si può notare non è un problema di origine geografica o culturale dell’eccellenza. Quando tutto il mondo guardava ai compositori e musicisti Italiani è risultato scontato adottare il loro modo di esprimere i concetti che avevano sviluppato.

Per ora limitiamoci a colmare il ritardo di conoscenza che ci separa dagli altri. Successivamente potremmo tornare a rivestire quel ruolo di guida come nell’anno 6 dc quando l’Imperatore Ottaviano Augusto fondò la Milita Vigilum, il primo vero corpo vigili del fuoco organizzato nella storia.