Procedura di passaggio porta, la stiamo facendo bene?

Introduzione

Una delle pratiche utilizzate nella lotta agli incendi moderni (che a mio avviso si presta a mal-interpretazione) è la tecnica di passaggio porta. Vi è la tendenza a concentrarsi sull’aspetto più strettamente meccanico/tecnico perdendo di vista i veri obbiettivi. Parlando con quanti sono chiamati ad operare in caso di incendio (vigili del fuoco professionisti e volontari, componenti squadre aziendali, fire team imbarcati a bordo di navi o piattaforme petrolifere) ho molto spesso l’impressione che non si abbiano le idee chiare.

Quali i pericoli nell’aprire una porta?

Molti si aspettano e in alcuni casi temono, di trovare è un muro di fiamme che prorompe da dentro il locale non appena si apre la porta. E’ davvero questo un problema? E soprattutto è possibile che una porta dietro alla quale vi sia un incendio sufficientemente ventilato in post flashover non abbia mostrato alcun segnale premonitore?

Figura 1. L’incendio ha trovato in maniera naturale uno sfogo verso l’esterno. Da notare la ridotta produzione di fumo e il colore relativamente brillante delle fiamme. In questo caso l’apertura della porta interna non produrrebbe modifiche sostanziali nello sviluppo dell’incendio.

Per poter rispondere a queste domande devono essere chiare le differenze tra un incendio limitato dal combustibile (ILC) e uno dal comburente (ILV). Stabilire quali di questi due regimi è in atto permette di operare le giuste scelte. È bene dire subito che in caso di un ILC, anche se di potenza significativa, vi sono generalmente a disposizione sia gli strumenti che le competenze necessari. Salvo che per l’incendio generalizzato, i servizi antincendio sono strutturati per far fronte ad un incendio regolato dal combustibile. Le azioni che solitamente si attuano sono state pensate proprio per far fronte ad un incendio di questa tipologia. Normalmente si realizzano delle aperture per lo sfogo del calore e del fumo. Queste aperture fanno si che la visibilità aumenti e il calore sfoghi all’esterno migliorando così le condizioni. L’apporto d’aria che inevitabilmente avviene, non influenza la potenza dell’incendio. In questo modo si massimizzano gli effetti positivi senza di fatto averne di negativi.

Cosa avviene invece se si realizzano delle aperture in caso di un ILV? E quanto tempo può passare prima di vederne le conseguenze? Per prima cosa togliamoci dalla mente che gli effetti dell’apertura siano sempre immediati. Questo perché ciò che avviene dopo aver aperto questa famigerata porta ha bisogno di tempo per potersi innescare.Il tempo che occorre è in funzione di una serie di fattori tra loro collegati:

  • Da quanto tempo ha avuto origine l’incendio;
  • Da quanto tempo l’incendio è entrato in regime di ILV;
  • Il carico d’incendio e la disposizione dello stesso all’interno del compartimento;
  • Quantità d’aria entrata. Che è in funzione di:
    • Delta di pressione esistente;
    • Dimensione delle aperture realizzate;
    • Altezza delle aperture nel compartimento;
    • Sequenza di apertura nel caso siano più di una;
    • Tempo di apertura;
    • Direzione ed intensità del vento.

Viste le numerose variabili che concorrono a determinare il tempo che può trascorrere tra l’apertura e gli effetti seguenti, è praticamente impossibile stabilire una regola. Quello che si può rilevare è che in un locale di medie dimensioni è quasi impossibile che l’apertura di una porta comporti un immediato innesco dei fumi presenti. Vi può essere il rapido innesco dei gas che fuoriescono all’esterno ma non di quelli all’interno del compartimento.

Il timore che questo possa avvenire porta a distogliere l’attenzione da quello che conta veramente. Partiamo da un punto fermo e cioè le motivazioni di queste azioni. Per quale motivo si apre una porta? Essenzialmente perché non si è in grado di capire,direttamente dall’esterno, cosa sta avvenendo . Quindi lo scopo non è impedire che s’incendino i gas ma capire cosa avviene all’interno. Tutto questo per decidere se vi sono le condizioni per entrare. Non è una differenza di poco conto. Il focus deve rimanere sulla necessità di leggere la situazione, non sullo sparare acqua a casaccio fuori e dentro il compartimento. Quando si comprende bene questo aspetto ci si può concentrare sull’effettuare un passaggio porta efficace.

I segnali premonitori

Quando si apre una porta si è di fronte ad una situazione che impone delle scelte non facili da prendere. Ricordiamo innanzitutto i due elementi principali:

  • Si deve aprire la porta perché gli altri strumenti per capire cosa stia avvenendo all’interno hanno in qualche modo fallito. Quindi si deve aprire per vedere. Più tempo si tiene aperto, più a lungo si può vedere;
  • Bisogna evitare che entri dell’aria. Questo per scongiurare che in caso di un ILV l’apporto di aria abbia effetti sull’evoluzione dell’incendio. Più breve e limitata nel tempo l’apertura meno aria entra.

I punti sopra sembrano inconciliabili. Se a questo ci aggiungiamo che si effettuano delle operazioni in maniera robotica ci si accorge che si sta fallendo l’obbiettivo.

Un altro elemento che spesso risulta essere un aggravante, piuttosto che valido aiuto, è l’uso dell’acqua. Nella procedura di passaggio porta l’acqua (se usata bene) permette di:

  1. Inertizzare (quando la porta viene aperta) l’area all’esterno sopra gli operatori;
  2. Raffreddare il fumo all’interno del compartimento;
  3. Inertizzare piccoli volumi all’interno del compartimento grazie al passaggio di stato dell’acqua da liquido a vapore e alla concentrazione di gocce molto piccole.

Figura 2. Da notare le gocce che rimangono in sospensione per inertizzare l’eventuale fumo in uscita

L’utilizzo dell’acqua in questa prima fase è importante per incrementare la sicurezza dell’azione dei vigili del fuoco che aprono la porta per capire e intraprendere l’azione più corretta. Se si decide di aprire la porta è perché non si hanno a disposizione altre tecnologie come le lance piercing, il Fognail™ oppure il CCS Cobra™ che consento di mettere in sicurezza l’ambiente senza dover aprire.

Figura 3. I sistemi come il Cold Cut System Cobra™ permettono di rendere più sicuro l’accesso ad un compartimento prima dell’ingresso delle squadre.

L’obbiettivo è però sempre quello di crearsi un’immagine di quello che vi è all’interno. Tutto ruota attorno ad esso.  Come lo si realizzi è in funzione delle competenze acquisite, delle attrezzature a disposizione e dell’esperienza del personale.

Tecniche di passaggio porta

Tante sono le possibili combinazioni che si possono utilizzare. Ponendo come focus l’uso dell’acqua si possono prendere in esame:

  • due colpi di lancia al di fuori sopra la testa degli operatori ed uno dentro nel fumo;
  • Solo il colpo nel fumo;
  • una combinazione di questi.

Quando invece il focus è la posizione degli operatori:

  • lancista verso l’apertura e servente verso i cardini della porta;
  • lancista in posizione centrale e servente verso i cardini della porta;
  • lancista in posizione centrale e servente verso la maniglia protetto dalla parete.

Naturalmente bisogna tenere in considerazione anche se il verso di apertura della porta è:

  • porta a spingere;
  • porta a tirare.

Figura 4. Un esempio delle possibili tecniche adottabili. Per verificare la temperatura si può scostare leggermente il guanto, facendo attenzione a non toglierlo. In caso di portoncini blindati o isolati si può provare a toccare la maniglia. Da notare l’impugnatura della lancia specifica per bagnare leggermente la porta con la tecnica del painting.

Come si vede le variabili sono molte e a volte in apparente contrasto. Poco importa, la cosa che veramente conta è mettersi nelle condizioni di vedere cosa c’è all’interno del locale mantenendo un grado di sicurezza il più elevato possibile. La domanda corretta ora è: ma cosa si deve vedere? Domanda semplice con una risposta articolata. I segnali che si devono scorgere non sono nella maggior parte dei casi definiti e di semplice interpretazione. E qui risiede il vero problema. Nella formazione ci si concentra sulla meccanica dell’azione tralasciando gli elementi che la contraddistinguono: cosa si deve vedere? Questo, è quello che si dovrebbe affrontare nella formazione, dando degli elementi utili per definire se è possibile entrare o meno.

Cercando di dare una risposta a questa domanda si possono elencare questi elementi:

Prima di aprire la porta:

Prendere più informazioni possibili da parte dei presenti;
  • Da quanto tempo è cominciato l’incendio;
  • cosa contiene il compartimento;
  • quanto grande è il compartimento coinvolto;
Osservare la porta alla scoperta dei seguenti elementi:
  • temperatura elevata (la maniglia può rappresentare un ponte termico preferenziale);
  • cambiamenti di colore dovuti alla temperatura;
  • bolle nella vernice;
  • bagnando la porta l’acqua evapora;
  • fuoriuscita di piccoli sbuffi di fumo dal perimetro esterno;
  • se la porta è vetrata verificare se vi sono dei depositi oleosi sulla faccia interna. Questo è un indice che i fumi sono probabilmente al di sopra del loro campo di infiammabilità (fumi grassi).

Se nulla di tutto ciò è visibile non bisogna trarre conclusioni avventate. Se non si vede nulla non significa nulla!

All’apertura della porta:

Osservare l’eventuale fumo;
  • Fuoriuscita di fumo dal compartimento. Il fumo che all’esterno comincia a bruciare è un indicatore che all’interno del compartimento vi sono due dei tre elementi del triangolo del fuoco e cioè energia e combustibile. L’unica cosa che manca è il comburente che invece è presente in grandi quantità all’esterno;

Figura 5. All’interno del compartimento non vi è sufficiente comburente. Appena la pressione sospinge all’esterno il fumo vi è la comparsa delle fiamme. Il display indica la temperatura (588°C) presente all’interno del compartimento a circa 2 mt di altezza.

  • Altezza del piano neutro. Più è basso e più è indice di pericolosità. Bisogna però tenere in considerazione che un incendio ormai spento ed innocuo in un locale senza aperture ha il fumo fino a terra;
  • Pressione e velocità in uscita del fumo. Più il fumo esce in volute turbolenti e con buona velocità più l’incendio è in prossimità dell’apertura. Inoltre potrebbe essere indicatore di una certa vivacità dell’incendio;
  • Colore del fumo. Bisogna a stare attenti a non essere ingannati dal colore del fumo. Non sempre il fumo più è scuro più è pericoloso. Un fumo di colore nocciola scuro con riflessi violacei è un fumo ricco di gas della pirolisi scaturite da legno o derivati.

Figura 6. Questo colore contraddistingue i gas della pirolisi di un ILV. Da notare nell’angolo in basso a sinistra l’aria che si incunea al di sotto del fumo.

Stabilire la temperatura interna:
  • Utilizzando una termocamera è possibile avere un’idea di massima della temperatura del compartimento. Temperatura elevata significa che i fumi hanno una propensione ad infiammarsi visto l’alto livello energetico contenuto. D’altra parte temperatura elevata potrebbe indicare che l’incendio è un ILV da poco tempo;
  • L’acqua è un valido aiuto per stabilire l’ordine di grandezza della temperatura.
Entrata dell’aria:
  • La velocità alla quale l’aria si fa strada nel fumo è un chiaro segno del fatto che il focolare principale si sta riprendendo. Più aria entra e più la velocità relativa aumenta;
  • Volume di aria in entrata. Se la pressione all’interno del locale è simile a quella ambiente, sia il volume che la velocità dell’aria in entrata saranno minimi. Se invece la pressione è più elevata, la fuoriuscita iniziale abbatte la pressione creando i presupposti per l’entrata dell’aria. Quando si innesca la corrente di convezione (l’aria fresca richiamata dalla base del focolare principale) l’apporto d’aria si stabilizza se l’apertura rimane costante. Per contro l’innesco della corrente di convezione apre una finestra temporale che se sfruttata bene potrebbe permettere di arrivare sull’incendio guidati da essa.
Fiamme:
  • La presenza di fiamme in grande quantità esclude il fatto di essere nelle condizioni di incendio regolato dalla ventilazione;
  • Poche fiamme di colore scuro (rosso o arancione scuro) possono indicare un ILV al limite del 14% di ossigeno. La nostra apertura non farà altro che aumentarne la concentrazione con conseguenze facilmente immaginabili;
  • Fiamme languide, allungate e lente sono tipiche di un ILV. Mentre fiamme nervose, corte e veloci contraddistinguono un ILC.
Effetto dell’acqua:
  • L’acqua che entra all’interno del compartimento e si trasforma in vapore è indice del livello energetico del fumo;
  • La presenza di un sibilo durante il passaggio di stato dell’acqua è indice di temperatura elevata;
  • L’acqua che, seppur utilizzata correttamente (portata, cono di apertura e angolo della lancia verso il terreno), cade a terra, indica che il fumo non ha temperatura elevata. Questo che non esclude che possa essere egualmente pericoloso, indica solamente che il livello energetico è inferiore.

 

Conclusioni

Stabilire una procedura rigida che vada bene in tutte le occasioni non è semplice e probabilmente è anche contro produttivo. Quello che sicuramente si può fare è ragionare per obbiettivi piuttosto che in modalità “automatica”. Una volta che gli obbiettivi tattici sono ben chiari a tutti è molto più semplice agire di conseguenza. Questo però responsabilizza ancor di più i formatori e le strutture preposte alla formazione. È molto più facile insegnare un “compitino” da eseguire a memoria che spiegare i motivi del perché una determinata cosa succede. Purtroppo però, se ci si scorda una piccola parte di una sequenza imparata a “pappagallo” si rischia di non saper proseguire con l’azione. Nel caso contrario invece, avendo ben chiaro in mente cosa si vuole ottenere, non si rischia di fallire se ci si dimentica una parte della sequenza.

 

Figura 7. Il ruolo dei formatori è quello di rendere i propri allievi elementi pensanti. Solo così saranno in grado di affrontare tutte le possibili problematiche che l’interventistica riserva quotidianamente.

Schiume antincendio e sistemi CAFS caratteristiche e modalità d’uso.

L’11 ed il 12 di ottobre si è tenuto presso il Comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Brescia un seminario dal titolo: Utilizzo delle schiume antincendio.

Il tutto organizzato dal Comando di Brescia con il placet del Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco che ha altresì delegato il personale del Centro di Documentazione del Piemonte di redigere i documenti filmati che potranno essere utilizzati dalla Direzione Centrale della Formazione.

Il comando di Trento ha risposto positivamente alla richiesta di inviare due rappresentanti per fare da relatori e portare la propra esperienza.

Il seminario ha visto il ripetersi nei due giorni dello stesso programma al fine di favorire la partecipazione del maggior numero  possibile di personale operativo con l’aggiunta, nella sola giornata di giovedì 12 ottobre, di un momento di confronto dedicato ai  Funzionari..

Da sottolineare la presenza di rappresentanti dei Comandi della Lombardia che hanno favorevolmente risposto all’invito.

Qui sotto la presentazione utilizzata durante il seminario. e un piccolo estratto video (grazie al cs Mauro Lai per la ripresa video) ed un foglio di calcolo con impostate le formule per il calcolo del concentrato schiumogeno in funzione delle portate critiche e delle dimensioni dell’incendio.

 

 

 

https://luparisi.files.wordpress.com/2017/10/calcolo-consumi-schiumogeni.xlsx

 

La respirazione ideale per il vigile del fuoco in intervento

 

Disclaimer: prima di cominciare desidero avvisare che le informazioni contenute in questo scritto non hanno alcuna pretesa di sostituirsi alle informazioni che possono essere date da un medico. Io non ho alcuna competenza medica. Le informazioni riportate sono il frutto degli anni di esperienza come formatore in ambito di protezione delle vie respiratorie e dei mie studi. Nella prima parte vi è una sintesi di come agisce il nostro organismo. A mio giudizio è utile avere una conoscenza di base dei fenomeni fisici. Questo perché permette di avere un approccio più pragmatico. Per quanti non sono invece interessati a ciò, possono saltare la prima parte ed andare direttamente all’ultimo paragrafo.

Quando si parla di respirazione nell’ambito della lotta agli incendi non è sempre facile reperire le giuste informazioni. Si trovano facilmente indicazioni generiche sull’argomento (alcune estremamente interessanti), ma con il difetto di fondo di non essere specifiche alle attività di soccorso. A questo punto ai più attenti potrà sorgere un dubbio. “Ma come, non è la stessa cosa respirare in aria aperta o con un apparecchio di protezione delle vie respiratorie (APVR)?” La risposta è no, non è la stessa cosa. O quanto meno se i processi fisiologici sono i medesimi non lo deve essere l’atteggiamento dell’utilizzatore. Sono tante le differenze tra il respirare con o senza un APVR. Quella che ha il maggiore impatto è sicuramente il fatto che si ha a disposizione una riserva d’aria limitata! Questa consapevolezza deve accompagnare il soccorritore costantemente.

Dobbiamo imparare a respirare con l’autorespiratore sfruttando ogni singolo litro di aria contenuto nella bombola e non semplicemente facendolo passare attraverso la valvola di esalazione della maschera.

Assodato quindi che ci sono delle differenze e che le dobbiamo tenere in considerazione, prendiamo in esame gli elementi principali dell’apparato respiratorio e soprattutto rispondiamo ad una domanda fondamentale: perché dobbiamo respirare?

Si deve respirare per fornire costantemente uno dei reagenti della reazione che è alla base della vita, la respirazione cellulare.

Qui troviamo la prima sorpresa, per respirazione abbiamo sempre inteso l’atto di introdurre aria all’interno del nostro organismo. Scopriamo invece che vi è una definizione di respirazione che non collima con quanto abbiamo sempre pensato. Andiamo quindi a definire esattamente i vari termini:

Ventilazione

La ventilazione è un processo fisico meccanico ed automatico. Mediante l’azione diretta dei muscoli respiratori permette all’aria di entrare ed uscire dai polmoni. Questo processo è controllato dal nostro organismo a livello centrale.

La ventilazione è divisa in due azioni distinte. Le due fasi sono l’inspirazione e l’espirazione. L’espansione e successiva contrazione della gabbia toracica avvengono grazie all’azione dei muscoli respiratori. Gli stessi si dividono in primari (muscoli involontari, che non sotto il controllo diretto della nostra volontà) e secondari o accessori (muscoli volontari, che possiamo controllare).

I muscoli respiratori primari sono:

Diaframma: si contrae in modo involontario abbassandosi causando la diminuzione della pressione nei polmoni, i quali tendono a espandersi e, dunque, richiamano aria dall’esterno: in tal modo si verifica l’inspirazione;

Muscoli intercostali;

Muscoli sternocleidomastoidei: innalzano lo sterno;

Muscoli scaleni: sollevano le prime due costole.

L’espirazione avviene in modo passivo per rilassamento del diaframma e degli altri muscoli. L’espirazione può avvenire in modo volontario. In questo caso sono coinvolti i muscoli addominali (obliqui, retto e trasverso) che sono per questo definiti muscoli respiratori accessori (volontari)

 

Respirazione

Per respirazione, fisiologicamente parlando, si intende un termine molto ampio che comprende:

  • Respirazione esterna
  • Respirazione interna o cellulare

Respirazione esterna

La respirazione esterna è il processo deputato a conservare il giusto ratio tra ossigeno e CO2 all’interno delle cellule. La respirazione esterna caratterizza tre differenti azioni:

1) L’azione meccanica di entrata ed uscita dell’aria dall’organismo;

Elementi che permettono il trasporto dell’aria verso i polmoni

1) Naso: Al fine di proteggere le vie respiratorie da agenti patogeni estranei, di agevolare il passaggio dell’aria e di massimizzare l’efficacia dell’aria introdotta il naso svolge molteplici funzioni:

Filtra. Forse la caratteristica meno importante durante l’utilizzo degli autorespiratori a circuito aperto (essendo l’aria filtrata a monte);

Riscalda. L’aria dell’autorespiratore è fredda a causa dell’espansione dei gas. La sensazione di aria fresca è sicuramente piacevole in determinate situazioni ma non è la condizione migliore ai fini della cessione dell’ossigeno. Respirare con il naso comporta un aumento di temperatura dell’aria sino a raggiungere all’incirca la temperatura corporea;

Umidifica. L’aria contenuta nella bombola è secca. Il contenuto di acqua nelle bombole deve essere inferiore a pochi milligrammi per metro cubo, pena il rischio che ghiacci durante l’uso intenso. L’aria per poter essere assimilata in modo ottimale richiede che sia satura. Se l’aria viene inspirata dal naso la stessa ha modo di potersi arricchire di umidità;

2) Faringe. La faringe è una camera comune al sistema respiratorio e a quello digerente in quanto stabilisce una comunicazione sia con la laringe sia con l’esofago;

3) Laringe. L’aria passata attraverso la faringe si immette nella laringe. All’ingresso della laringe si trova l’epiglottide, un lembo di tessuto cartilagineo che regola il passaggio dell’aria;

4) Trachea; Alla laringe segue la trachea, un tubo rigido ma allo stesso tempo flessibile. Essa è costituita da una serie di anelli cartilaginei (una ventina circa) Gli anelli impediscono alle vie aeree di collassare durante l’ispirazione. All’estremità inferiore, circa all’altezza della quarta vertebra toracica, la trachea si biforca in due grossi bronchi che riforniscono d’aria i due polmoni

5) Bronchi. Hanno una struttura simile alla trachea. Man mano che la loro ramificazione procede, la forma degli anelli cartilaginei diviene sempre più irregolare. Nella parete bronchiale si trovano placche cartilaginee sempre più distanziate e più piccole. I bronchi si ramificano in diversi tipi di bronchioli di diametro decrescente all’interno dei polmoni.

Il naso, la faringe, la laringe, la trachea e gli stessi bronchi e bronchioli non partecipano alla seconda fase, quella dello scambio dei gas, ma hanno solo il compito di trasportare aria ossigenata agli alveoli polmonari e di rimuovere da questi l’aria satura di biossido di carbonio.

 

2) La cessione della CO2 e dell’ossigeno dal sangue all’alveolo e viceversa;

Alveoli: La più piccola unità polmonare visibile a occhio nudo è il lobulo. Un lobulo è costituito da uno o più bronchioli, da rami arteriosi e venosi del circolo bronchiale e da migliaia di alveoli. L’alveolo, delle dimensioni di circa 1/10 mm, possiede una esilissima parete intorno alla quale capillari estremamente sottili trasportano sangue povero di ossigeno.

Nell’ottica di massimizzare l‘efficienza della respirazione bisogna considerare che la parte alta dei polmoni è meno vascolarizzata e non ha la stessa fitta rete di capillari che circonda gli alveoli della parte bassa. Questa spiega perché è così importante far affluire l’aria nella parte bassa dei polmoni.

Gli alveoli, distribuiti a grappolo d’uva attorno a un bronchiolo terminale, sono completamente avvolti da un fittissimo intreccio di microscopici capillari. Poiché lo spessore delle pareti alveolari e dei capillari non è mai superiore a quello di una cellula, l’aria viene a trovarsi vicinissima al sangue circolante. Le cellule epiteliali degli alveoli sono ricoperte in permanenza da una sottile pellicola liquida, nella quale i gas possono sciogliersi e diffondere così attraverso le membrane. Il sangue che irrora gli alveoli è quello pompato ai polmoni dal cuore dopo aver completato il suo giro per tutto il corpo. Provenendo dalla periferia del corpo è povero di ossigeno e ricco di biossido di carbonio. Il processo chimico dello scambio di gas avviene “per diffusione”: una sostanza “diffonde” sempre dà A verso B se la sua concentrazione è più alta in A che in B. Negli alveoli la concentrazione di ossigeno è più bassa di quella dell’aria inspirata e più alta di quella del sangue dei capillari circostanti. Nel caso del biossido di carbonio la differenza è piccola, ma è sufficiente, grazie alla buona diffusibilità di questo gas, a eliminare il biossido di carbonio prodotto.

Sangue arterioso:

  • Contenuto O2, ± 95 mm Hg
  • Contenuto CO2, ± 40 mm Hg

Sangue venoso:

  • Contenuto O2, ± 40 mm Hg
  • Contenuto CO2, ± 46 mm Hg

Da notare come il contenuto di ossigeno nel sangue venoso sia ancora notevole. Pertanto quello che è stato introdotto nei polmoni con l’aria, che è passato nel sangue arterioso, non è rilasciato tutto alle cellule dei vari tessuti, che ne avrebbero un grande bisogno, ma resta in parte nel sangue e, con il sangue venoso torna ai polmoni da dove viene in buona parte restituito all’aria con l’espirazione. Questa affermazione riveste grande importanza nel momento in cui l’aria disponibile è in quantità limitata. Molto dell’ossigeno che è contenuto nell’aria delle bombole non viene adeguatamente utilizzato dall’organismo.

3) Il trasporto della CO2 e dell’ossigeno per mezzo del sangue verso e da i tessuti;

Il sistema cardiovascolare è formato dal cuore e dai vasi sanguigni che sono responsabili del continuo flusso di sangue in tutto il corpo. Il sangue circola nel sistema cardiovascolare e la sua funzione principale è quella di trasportare ossigeno alle cellule che compongono l’organismo.

Questo sistema è formato da una serie di vasi sanguigni, le arterie e le vene. L’energia per far circolare il sangue viene fornita dal cuore, che durante la fase di contrazione si spreme come una spugna e spinge il proprio contenuto nelle arterie principali. Terminata la contrazione, il cuore si rilascia e il sangue ritornando attraverso le vene lo riempie di nuovo preparandosi ad una nuova contrazione.

Il sangue viene spinto fino alla più estrema periferia, nel letto capillare, dove può svolgere la sua funzione di nutrimento dei tessuti. Una persona adulta ha circa 5 litri di sangue che circolano nel proprio corpo in circa 1 minuto.

Nelle arterie scorre il sangue ricco di O2. Esse si ramificano nel corpo in vasi sempre più piccoli sino a formare una rete di vasi piccolissimi, detti capillari sanguigni, che si trovano tra le cellule dei vari organi. È proprio nella rete dei vasi capillari che il sangue rilascia l’O2 alle cellule e queste cedono la CO2 al sangue.

I capillari poi convergono in una serie di vasi sanguigni di dimensioni crescenti chiamati vene e che riportano il sangue al cuore.

La respirazione cellulare

Per trasformare l’energia delle sostanze nutritive come lo zucchero, le cellule utilizzano un processo biochimico conosciuto con la definizione di respirazione cellulare. La respirazione cellulare è un processo esotermico di ossidoriduzione, una combustione controllata, che consta di una catena di reazioni.

La produzione di energia per mezzo della respirazione cellulare richiede un rifornimento continuo di ossigeno e genera, come prodotto anche del biossido di carbonio. Il sistema respiratorio permette la respirazione cellulare prelevando l’ossigeno dall’aria inspirata ed eliminando il biossido di carbonio dall’organismo.

Cibo +O2 → CO2 + H2O + ATP*

* ATP= Adenosintrifosfato (cioè energia)

L’ ATP è la molecola nella quale viene temporaneamente immagazzinata l’energia ottenuta dalla respirazione cellulare. E’ presente in piccolissima quantità all’interno della cellula e viene continuamente prodotta. La quantità totale presente, in un dato momento nel corpo umano è nell’ordine di 1 grammo (non soddisfa le esigenze di un lavoro muscolare intenso di pochi secondi). Nell’arco di 24 ore senza che vi siano sforzi importanti ne vengono prodotti indicativamente alcune decine di kg (40/50 kg).

I muscoli traggono principalmente la loro energia da questa sostanza.

 

Produzione di ATP

La produzione di ATP può derivare da:

  • Utilizzando un meccanismo aerobico, nel quale vi è una combustione di zuccheri e grassi in presenza di ossigeno (come prodotti finali, oltre all’energia, si hanno biossido di carbonio ed acqua). Questo sistema è il meno dispendioso perché non vi è formazione di scorie. Infatti, con la respirazione polmonare la CO2 può essere facilmente estratta dal sangue;
  • Dagli zuccheri senza la presenza di O2 (meccanismo anaerobico). Energeticamente parlando più dispendioso perché con l’utilizzo della stessa quantità di zuccheri si ottiene meno ATP, rispetto all’attività aerobica e inoltre perché vi è produzione e accumulo di acido lattico (elemento limitante la prestazione).

L’acido lattico, che abbiamo visto essere un sottoprodotto dell’attività anaerobica dei muscoli, si riversa da quest’ultimi nel sangue. Veicolato dal sangue raggiunge cuore, fegato e muscoli inattivi, dove viene riconvertito in glucosio. Nondimeno, durante un esercizio fisico impegnativo (per intensità e/o per durata), è possibile che i muscoli producano nell’unità di tempo più acido lattico di quanto si riesca a metabolizzare. La concentrazione di acido lattico nel sangue aumenta fino al punto in cui i muscoli attivi non riescono più a metabolizzarlo. Questo genera affaticamento e successiva incapacità di sostenere lo sforzo, talvolta accompagnato da bruciore. Tuttavia nel momento in cui i muscoli riprendono la loro normale attività aerobica, l’acido lattico viene eliminato dal circolo sanguigno (nel giro di qualche decina di secondi o di pochi minuti). La gran parte di quanto se n’era accumulato nei muscoli attivi viene smaltito. Questa è un operazione che richiede tutt’al più un paio di ore dall’inizio dell’attività fisica.

Qualcuno si potrebbe chiedere che importanza rivestono queste informazioni al vigile del fuoco. La domanda è lecita ma richiede un ulteriore approfondimento prima di essere evasa.

Qualcuno di voi ha mai provato a misurare la saturazione dell’ossigeno nel sangue? Solitamente si usa uno strumento conosciuto con il nome di saturimetro o di ossimetro. Molto spesso disponendo anche di un misuratore del battito cardiaco assume la definizione di pulsiossimetro. Questo strumento permette il monitoraggio non invasivo della saturazione di ossigeno dell’emoglobina arteriosa (SpO2) e della frequenza cardiaca. I valori sono espressi in percentuale per quanto riguarda l’ossigenazione e in bpm per il battito. Un interpretazione speditiva (laica e non medica) dei valori è la seguente:

  • In un adulto in condizioni normali l’emoglobina legata è compresa tra il 96% e il 99%;
  • Se 100% si potrebbe essere in presenza di una possibile iperventilazione. La ragione potrebbe essere un attacco d’ansia, tachicardia o attacchi di panico;
  • Se il valore è tra il 93% e il 95% vi potrebbe essere una leggera ipossia;
  • Al di sotto del 92% indica un insufficienza di ossigeno nel sangue.

Da quando sono solito monitorare la saturazione degli allievi non ne ho trovato nemmeno uno che fosse al di sotto del 93%. Questo nonostante il fatto tutti abbiamo ben presente la sensazione di fatica legata alla sensazione di non “avere abbastanza aria”. Come possono coincidere le due cose? Quantità adeguata di ossigeno legato all’emoglobina in circolo nel sangue arterioso con l’oggettiva difficoltà a portare a termine l’esercizio proposto? Per avere tutti gli elementi per rispondere al quesito serve fare un ulteriore precisazione. Bisogna in effetti conoscere le dinamiche che regolano la frequenza degli atti respiratori nell’organismo?

La frequenza degli atti respiratori è governata dalla quantità di CO2 prodotta dai processi di respirazione cellulare.

Nel midollo allungato, (conosciuto anche come medulla oblongata o mielencefalo), che è parte del tronco cerebrale risiedono i centri bulbari della respirazione. Il midollo allungato è l’organo che contiene al suo interno i neuroni recettori che controllano la concentrazione del CO2 nel sangue. La quantità di CO2 prodotta quindi regola l’ampiezza e la profondità degli atti respiratori. Infatti un livello elevato di biossido di carbonio segnala un aumento dell’attività cellulare e quindi un maggior fabbisogno di ossigeno. I recettori perciò reagiscono immediatamente ordinando un’intensificazione del ritmo e della profondità del respiro. Questi recettori sono molto sensibili, lo 0.3% in più di biossido di carbonio comporta un aumento significativo (può arrivare al doppio) degli atti respiratori.

Vi sono anche altri “sensori”. I chemiocettori, situati nell’arco aortico e alla biforcazione delle carotidi sono sensibili alle variazioni della PCO2 (pressione parziale della CO2), ma anche alla diminuzione della PO2 e del pH; quando si esegue uno sforzo muscolare intenso, i muscoli consumano molto O2 e producono CO2, determinando, inoltre, una diminuzione del pH del sangue. Queste tre azioni combinate (aumento della PCO2, diminuzione della PO2 e variazione del pH) determinano una scarica di impulsi nervosi, che, da questi recettori convergono sia al centro respiratorio, aumentando la frequenza e la profondità del respiro, sia al centro cardio-regolatore, aumentando la frequenza e l’ampiezza del battito.

La frequenza respiratoria, dunque, è determinata soprattutto dalla quantità di CO2 che è necessario espellere dall’organismo.

Il problema è che molto spesso la soglia di tolleranza dell’organismo nei confronti della concentrazione di CO2, sia molto bassa e ciò comporta che vi sia l’impulso di espirare anche se i valori sono tutt’altro che eccessivi, anzi sono molto bassi. Di conseguenza si respira troppo e si elimina una quantità eccessiva di CO2.

Qui vi è l’ennesimo colpo di scena. Cosa comporta una bassa soglia di tolleranza alla CO2?

Comporta che l’organismo sia meno efficiente negli scambi O2-CO2 a livello cellulare. Vediamo nel dettaglio come avviene questo scambio e cosa lo favorisce.

Per farlo ci aiutiamo facendo un parallelo con l’alimentazione[i]. È cosa nota che per nutrirsi bene non basta riempire lo stomaco con la maggior quantità possibile di cibo; occorre invece che gli elementi nutritivi del cibo (mangiato in quantità giusta) passino nel sangue e da questo nei vari tessuti dell’organismo. Se qualcosa in questi meccanismi di assimilazione non funziona, si può morire di fame pur mangiando il giusto. E’ questo ad esempio quello che accadeva ai diabetici prima della scoperta dell’insulina. Il loro sangue era pieno di zucchero ma mancava dell’elemento (l’insulina) che permette che possa essere rilasciato ai tessuti, che di conseguenza “morivano di fame”. Al contrario quando si pensa alla necessità di respirare si è quasi tutti portati a pensare che “tanto è meglio”. Da qui il detto di prendere un bel respiro, fare un respiro a bocca piena e così via.

Cosa succede una volta introdotto l’O2 nei polmoni? Innanzitutto l’O2 deve passare dai polmoni al sangue (e, salvo casi di malattie polmonari o bronchiali, questo quasi sempre funziona bene). Dal sangue, l’ossigeno deve poi essere assimilato dalle cellule dei tessuti dei vari organi. E qui invece si verificano molto spesso dei problemi. Cosa succede? Accade che le particelle di ossiemoglobina del sangue (e cioè l’emoglobina che, dopo avere assimilato l’ossigeno, si è appunto trasformata in ossiemoglobina) trattengono strettamente l’ossigeno, rifiutando di cederlo e lasciarlo passare nei tessuti. Gli organi soffrono di carenza di ossigeno, pur in presenza di un sangue saturo di ossigeno, esattamente come gli organi dei diabetici soffrono di mancanza di zucchero pur in presenza di un sangue saturo di zucchero! Come mai? Perché per consentire il passaggio dell’ossigeno dal sangue ai tessuti è necessaria la presenza di biossido di carbonio in quantità sufficiente. In assenza di CO2 nella giusta concentrazione, l’ossiemoglobina nel sangue non può liberare l’ossigeno e lasciarlo passare nei tessuti in misura sufficiente!

La necessità della CO2 per il passaggio dell’O2 dal sangue ai tessuti è stata scoperta agli inizi del secolo scorso e prende il nome di “effetto Verigo-Bohr”[ii]. L’atmosfera ha una concentrazione di ossigeno del 21%, potenzialmente alle nostre cellule ne potrebbe bastare anche un po’ meno. Le nostre cellule hanno invece bisogno di una concentrazione di biossido di carbonio al 6,5% mentre l’atmosfera ne contiene solamente lo 0,03%. Siamo ancora molto lontani dal 6,5% presente nell’organismo dei bambini nel grembo materno e all’interno delle nostre cellule da adulti. La CO2 non è quindi soltanto un prodotto di scarto dei processi di respirazione cellulare ma è necessaria per molte funzioni nell’organismo umano; è tra l’altro essenziale per consentire il passaggio dell’ossigeno dal sangue alle cellule dei tessuti. In assenza di CO2 questo passaggio non avviene. E’ indispensabile quindi che nell’organismo vi sia la quantità giusta di CO2. Una respirazione eccessiva, profonda e rapida, provoca, con l’espirazione, una perdita eccessiva di CO2, e questa perdita provoca a sua volta degli scompensi nell’organismo.

Ora abbiamo tutti gli elementi per poter formulare le risposte e possiamo quindi tornare alla domanda principe.

Qual è l’aspetto che ha maggiore impatto durante gli interventi con autorespiratori?

La risposta non può essere altro che: l’autonomia limitata dal fatto di non avere una riserva d’aria infinita.

Quali sono le situazioni che ingenerano i comportamenti più virtuosi?

  1. Avere un alta soglia di tollerabilità della CO2;
  2. Attivare il centro respiratorio in maniera tale che, scaricando la CO2 in eccesso, esso riduca la frequenza respiratoria.

La cosa sembra impossibile da ottenere. L’efficienza più elevata si ha quando il nostro organismo sopporta elevati livelli di CO2. Cosa che favorisce la cessione di ossigeno dal sangue ai tessuti. Al tempo stesso però si dovrebbe favorire la fase di espirazione per scaricare la CO2 prodotta al fine di ridurre la frequenza respiratoria.

Quale è la situazione nella quale invece è molto più frequente imbattersi?

  1. Bassa soglia di tollerabilità alla CO2;
  2. In caso di aumentato fabbisogno di O2 da parte del nostro corpo, una iperventilazione spinta generata dalla preponderanza della fase di inspirazione sull’espirazione.

 

Cosa comporta questo?

Si ingenera una reazione a catena che fa sì che si elimini la CO2 prima che raggiunga i valori ottimali e che vi sia una preponderanza dell’inspirazione rispetto all’espirazione. Più introduco O2, più devo compiere un lavoro.

Durante l’intervento con gli autorespiratori se questo circolo non viene interrotto, porta a “buttare via” tutta la riserva d’aria a disposizione.

Questo è un aspetto molto importante e da tenere nella giusta considerazione. Significa che in caso di uno sforzo che comporta un aumento degli atti respiratori, per ridurre la frequenza bisogna agire sulla profondità e l’efficacia della fase di espirazione.

Normalmente si è portati a privilegiare l’inspirazione accorciando la fase di scarico. Si ottiene però l’effetto contrario perché, aumentando la frequenza si svolge un lavoro maggiore che richiede più ossigeno e di conseguenza una maggiore CO2 che viene rilevato dai ricettori del centro respiratorio che ordinano di aumentare la frequenza respiratoria, si entra quindi in un circolo vizioso che potrebbe avere conseguenze pericolose.

Più O2 per compiere il lavoro, meno tollerabilità alla CO2 = frequenza respiratoria elevatissima.

Ultimo elemento utile da conoscere è la definizione esatta di iperventilazione. Cosa significa “iperventilare?” Più che “respirare troppo” in assoluto, significa invece respirare in modo non adeguato ed eccessivo rispetto alle esigenze dell’organismo impegnato in una determinata attività. Una respirazione che sarebbe adeguata se si stesse correndo o comunque svolgendo attività fisica, (e durante l’attività fisica l’organismo produce una grossa quantità di CO2, che deve in effetti essere in parte eliminata) è invece eccessiva e dannosa se non si sta compiendo un intensa attività fisica (per i vigili del fuoco per esempio potrebbe essere al momento della ricezione dell’allarme). In questo caso l’organismo reagisce, in base ad un istinto primordiale, (la cosiddetta “risposta adrenergica, spavento = combatti o fuggi”) come se si fosse in presenza di un pericolo che richiederà un’intensa attività fisica e che scatena l’impulso a respirare molto, appunto in previsione dell’attività fisica con accumulo di CO2 che invece in genere non avviene, perché si resta seduti (falso allarme, attività che non richiede dispendio fisico, ecc.). Il frequente ripetersi di questi episodi di stress quotidiano porta allo sfasamento del ritmo respiratorio, che diviene in permanenza, anche quando si dorme, un po’ più intenso del necessario.

Tecniche di respirazione conservative dell’aria

Ora che abbiamo la conoscenza dei meccanismi dell’organismo possiamo ipotizzare delle risposte operative. Quando si usa un apparecchio di protezione delle vie respiratorie, quale tipologia di respirazione è più idoneo utilizzare?

La risposta prevede tre metodologie diverse in funzione dello sforzo che si sta compiendo e dello scenario operativo.

I tre sistemi sono elencati in ordine decrescente di frequenza di utilizzo e di “preferibilità” di adozione.

1) Naso in – naso out. È senza ombra di dubbio la tecnica di respirazione che permette di massimizzare l’efficienza respiratoria. Vediamo nel dettaglio perché questo avviene.

Essa consiste in:

  • Inspirare normalmente con il naso;
  • Espirare normalmente con il naso.

Inspirazione dal naso. Favorisce:

  1. Aumento del tasso di umidità dell’aria;
  2. Aumento della temperatura dell’aria;
  3. Favorisce la respirazione diaframmatica. L’uso del diaframma a sua volta consente:
    1. Una respirazione più profonda andando ad interessare la parte più vascolarizzata dei bronchi;
    2. Una respirazione che richiede meno energia. Il movimento del diaframma non richiede di innalzare o muovere altre parti del corpo come invece succede con la respirazione toracica (spostamento all’esterno della gabbia toracica e verso l’alto della testa);
  4. Riduce di molto le possibilità di entrare in affanno. L’affanno è probabilmente il pericolo maggiore per quanti utilizzano degli APVR;
  5. Ha il vantaggio di favorire una respirazione più capiente rispetto a quella toracica, con conseguente diminuzione del ritmo cardiaco e aumento della resistenza all’affaticamento, un aspetto molto importante durante gli interventi con autorespiratori;
  6. Mediamente un individuo che utilizza la respirazione addominale esegue circa 10 atti respiratori al minuto. Chi invece utilizza la respirazione toracica, esegue mediamente 15/16 atti respiratori al minuto;
  7. Porta una maggiore quantità di sangue agli organi inferiori.

Espirazione con il naso. Favorisce:

  1. Riduzione della quantità di CO2 dispersa per effetto dell’espirazione. Abbiamo visto che la CO2 è indispensabile per favorire lo scambio O2-CO2 a livello cellulare. Espirando con il naso quindi aiuta a mantenere elevata la quantità di CO2 prodotta dalle cellule;
  2. Riduce la quantità di vapor d’acqua disperso per effetto della Perspiratio insensibilis. A causa della ridotta efficienza del sistema che consente la termoregolazione (a causa del DPI EN 469 il sudore prodotto dal nostro corpo non può evaporare) è indispensabile mantenere elevati livelli di idratazione dell’organismo. Espirando con il naso si dimezza la quantità d’acqua espirato rispetto a quanto avviene con la bocca.

Adottare sempre questo sistema permette di raggiungere due obbiettivi diversi:

  • Obbiettivo a breve termine. Il risultato a breve termine è quello di utilizzare la tecnica di respirazione che permette il massimo dell’efficienza in termini di consumo di aria e produzione energetica;
  • Obbiettivo a medio-lungo termine. Utilizzare questa tecnica abitua l’organismo a sopportare livelli più elevati di CO2. Un po’ alla volta quindi si sposta verso l’alto l’asticella del livello di CO2

Nel momento in cui non è più sostenibile respirare utilizzando il solo naso si hanno di fronte due possibili scelte. La prima è quella di ridurre il carico di lavoro. Molto spesso sarebbe sufficiente semplicemente rallentare un po’ mantenendo livelli elevati di efficienza respiratoria. Qualora questo non fosse possibile la seconda possibilità prevede di utilizzare la seconda metodologia di respirazione.

2) Naso in-bocca out. Conosciuta come R-EBT. Questa tecnica è stata sviluppata da KEVIN J. REILLY membro del consiglio del Fire Safety Directors Association of New York City[iii];

R-ebt sta per: Reilly Emergency Breathing Tecnique (tecnica di respirazione in emergenza Reilly).

Essa consiste in:

  • Inspirare normalmente con il naso;
  • Espirare con la bocca, parzializzando l’apertura e prolungando l’espirazione;

Come si può notare non è richiesto nulla di complicato da realizzare. La particolarità consiste nel inspirare con il naso (scaldando e inumidendo l’aria) ed espirare con la bocca. Con la parzializzazione dell’apertura della bocca si ottiene il duplice scopo di forzare leggermente la fuoriuscita dell’aria e conseguentemente di prolungare la fase di scarico.

I vantaggi dell’inspirazione con il naso sono i medesimi della tecnica precedente. Mentre utilizzare l’apertura della bocca per espirare permette di ridurre il livello di CO2. Livello elevato che obbliga il nostro organismo ad aumentare la frequenza degli atti respiratori. L’azione ragionata di espirare con la bocca impedisce di inspirare con la stessa bocca come prima risposta ad uno stimolo di “mancanza d’aria”. Cosa che abbiamo visto essere deleteria per la durata della riserva d’aria.

Quindi in risposta ad un carico di lavoro maggiore che non consente di mantenere il profilo di respirazione ottimale, naso-naso, si può rispondere aumentando la durata della fase di scarico utilizzando la bocca.

3) Naso in – bocca out in emergenza. Skip breathing o “salto del respiro”

Essa consiste in:

  • Inspirare normalmente con il naso;
  • Effettuare una piccola pausa (non deve essere stressante);
  • Inspirare normalmente con il naso;
  • Effettuare una piccola pausa (non deve essere stressante);
  • Espirare con la bocca, parzializzando l’apertura e prolungando l’espirazione

Deve essere chiarite sin dall’inizio che questa metodologia di respirazione può essere utilizzata solo in caso d’emergenza. Deve essere “l’estrema ratio”.

Originariamente sviluppato per la subacquea, può essere utilizzato anche dal singolo pompiere. Il primo passo consiste nell’inspirare e trattenere il respiro. Quando si sente il bisogno di espirare, si prende un respiro supplementare e poi si espira lentamente. Dopo aver esalato, si deve trattenere di nuovo il respiro fino a quando non si ha bisogno di respirare. Tuttavia, la persona non deve trattenere il respiro fino a provare disagio. La durata della pausa può durare solo pochi secondi e varia da persona a persona.

Ci si può chiedere: “Perché non utilizzare questa tecnica ogni volta che si usa un autorespiratore?” Perché per i vigili del fuoco, il solo e unico scopo di questa tecnica, è quello di essere uno “strumento salvavita”, non un metodo per migliorare le prestazioni di lavoro. I vigili del fuoco impegnati nel salto del respiro devono concentrarsi sul proprio respiro, non possono pensare agli altri compiti. Inoltre, trattenere il respiro può avere conseguenze fisiche, come l’ipossia. Oltre a ciò, durante le normali operazioni di lotta contro l’incendio, i vigili del fuoco consumano un sacco di energia e hanno bisogno di ossigeno supplementare per soddisfare questa condizione. Anche se la tecnica è relativamente semplice, la concentrazione mentale necessaria è notevole.

In primo luogo, il vigile in difficoltà deve attuare le normali procedure di Mayday, come chiedere aiuto tramite la radio personale, indicare la propria posizione (se nota), posizionarsi lungo il perimetro delle pareti, e così via. Se il vigile è intrappolato e in attesa di soccorso, dovrebbe cominciare ad utilizzare lo Skip Breathing al più presto per conservare quanta più aria possibile. Facendo ciò si aumenterà il tempo a disposizione delle squadre di soccorso per individuarlo.

Anche se questa tecnica è relativamente semplice, deve essere provata più volte in addestramento per poterla utilizzare efficacemente in caso d’emergenza.

Conclusioni

La conoscenza e la consapevolezza delle specificità di un intervento con gli APVR sono la miglior arma a disposizione di un vigile del fuoco. Come preso in esame sopra, le competenze da conoscere e da sperimentare in tempo di pace non sono molte.

L’improvvisazione non deve essere una scelta ma solo la conseguenza dell’accadimento di un evento imponderabile.

 

[i] Attacco all’asma di Fiamma Ferraro, editore Macro Edizioni

[ii] www.buteyko.it

[iii] http://www.fireengineering.com/articles/print/volume-161/issue-4/features/rethinking-emergency-air-management-the-reilly-emergency-breathing-technique.html

 

Intervista rilasciata al periodico Fire and Rescue

Nel mese di dicembre sono stato contattato da Ann-Marie Knegt direttore responsabile del periodico Fire & Rescue. La richiesta prevedeva di rispondere ad alcune domande in merito alla mia attività di istruttore. Preme sottolineare che la mia segnalazione è stata fatta da Anders Trewe e Christian Giuliani ai quali va il mio personale ringraziamento. Vorrei fosse ben chiaro che non ritengo questa nomination e la successiva pubblicazione dell’intervista come una mera affermazione personale. È invece la validazione di un percorso di crescita collettivo di un gruppo del quale sono fiero di far parte. E’ importante riconoscere i giusti meriti: non saremmo andati da nessuna parte se non ci fosse stato chi ha creduto in noi e chi, avendone il potere, non avesse preso la decisione di appoggiare le nostre proposte. Altrettanto fondamentale è il gruppo. Gruppo che ha condiviso l’impegno di credere in qualcosa di nuovo e con dei tratti di rottura rispetto al passato. Gruppo in costante crescita numerica e molto eterogeneo ma con una radice comune di passione e voglia di migliorare l’efficacia dei nostri interventi. Un altro aspetto fondamentale è che non possiamo permetterci il lusso di ritenerci “arrivati”. Se non si mantiene la fame di continuo miglioramento, la storia ci insegna che non si farà altro che imboccare la china in discesa. La barra deve rimanere dritta mantenendo bene in vista quelle che sono le esigenze di quanti si rivolgono a noi per ricevere la formazione che necessità. Nel momento in cui perdiamo di vista questo e ci concentriamo sull’appagare la nostra ambizione o peggio ancora mettiamo in primo piano l’interesse personale avremo fallito l’obbiettivo e tanti sforzi saranno stati vani.

Quella che segue è la traduzione in italiano dell’originale intervista in Inglese. La stessa la si può trovare al link inserito in fondo pagina.

F&R: Puoi descrivere una tipica giornata presso il campo prove?

LP: Il nostro ruolo nella scuola di formazione è di addestrare e formare sia nuove reclute che personale più esperto in merito allo sviluppo dell’incendio al chiuso. La giornata inizia con l’accoglienza degli allievi, la descrizione del programma giornaliero e la lettura delle raccomandazioni di sicurezza in essere. Dopo di che ci si cambia indossando il DPI e si realizzano alcune prove a freddo all’esterno con la lancia. Fatto questo si entra nel simulatore.

Ogni istruttore entra nel container, ambiente ostile per via del calore e della mancanza di visibilità, accompagnando un team composto da due allievi. Una volta dentro si devono perseguire più obbiettivi. Il nostro ruolo è quello di assicurarsi che si muovano correttamente all’interno. In questo primo ambiente vi sono alcuni ostacoli da superare che permettono di elevare, in tutta sicurezza, il livello di stress dell’allievo.

Successivamente ci si sposta nella sezione successiva del container che simula alcuni locali di un normale appartamento. Qui devono dimostrare di essere orientati nello spazio descrivendo lo scenario in cui si trovano. Fatto questo ci si porta nella sezione di container dove vi è l’incendio vero e proprio. Qui si faranno delle osservazioni sulla base di ciò che si vede. Colore della fiamme, tipologia di incendio in atto, modalità di trasmissione del calore, ecc.

Altro obbiettivo è la corretta gestione dell’aria. Gli allievi devono controllare costantemente il manometro del loro autorespiratore. In questo modo sanno quanta aria hanno utilizzato per arrivare al punto in cui sono e poter calcolare per quanto tempo possono restare all’interno.

Durante tutta l’esercitazione ci prefiggiamo di tenere gli allievi calmi, orientati e concentrati sulla gestione dell’aria.

All’uscita del simulatore si realizza un accurato debriefing su quanto visto ed avvenuto all’interno. Questo è un momento decisivo per fissare gli obbiettivi del corso. L’esercitazione si conclude con un’accurata procedura di svestizione e con la decontaminazione degli autorespiratori e DPI.

F&R: Cos’è la cosa migliore di essere un istruttore?

LP: Scorgere nei mie allievi accendersi la scintilla della curiosità e la volontà di incrementare le proprie conoscenze.

Io credo che dobbiamo favorire il desiderio di cambiamento e miglioramento così come dobbiamo fornire ai nostri allievi la conoscenza. Non vogliamo creare degli automi che agiscano con lo stesso approccio ad ogni incendio. Vogliamo piuttosto favorire la crescita di elementi pensanti che valutino la situazione prima di agire. Se ciò avviene possiamo dire di aver raggiunto il nostro scopo.

F&R: Qual è l’errore più frequente che vedi negli allievi?

LP: Io ritengo che l’errore principale sia il desiderio di conoscere esattamente ciò che succede durante un incendio. Purtroppo non è possibile. Ci sono troppi elementi che concorrono allo sviluppo di un incendio. L’unica risposta certa che possiamo dare è: “Tieni bene in mente che la situazione è in continua e costante evoluzione”. Quando, come vigile del fuoco, si comprende appieno questo concetto si potrà adattare l’approccio in maniera tale da affrontarlo nel miglior modo possibile.

F&R: C’è qualcosa di diverso che dovrebbe essere insegnato al posto di ciò che si fa adesso?

LP: Alle volte penso che si perdano di vista le reali necessità e gli obbiettivi che dovremmo darci. Talvolta si fa qualcosa non perché sia utile e funzionale ma semplicemente perché abbiamo sempre fatto così. Per esempio, perché non insegniamo ai nostri allievi a combattere l’incendio dall’esterno prima di entrare all’interno? Sappiamo perfettamente che il fumo contiene elementi carcinogeni e tossici. Nonostante questo perseveriamo nell’addestrare i nostri allievi a scegliere come prima opzione l’attacco dall’interno prima di considerare la possibilità di un attacco dall’esterno. Io ritengo che giochi un ruolo importante l’ego dell’istruttore in questo frangente.

F&R: Quale evoluzione strategica si profila nella formazione attuale?

LP: Seguendo quanto affermato sopra penso che dovremmo modificare la sequenza attraverso della formazione così come proposta da Lars Axelsson. Allo stato attuale il flusso degli argomenti è il seguente: Studio del fenomeno incendio → studio delle azioni di contrasto all’incendio → attacco interno → attacco esterno → ventilazione. Questo riflette la sequenza attraverso la quale si eroga la formazione e questo è quello che si fissa nella mente dei nostri allievi. Tuttavia la sequenza corretta dovrebbe essere: Studio del fenomeno incendio → studio delle azioni di contrasto all’incendio → attacco esterno → ventilazione → attacco interno. Dobbiamo passare il concetto che si deve effettuare un attacco interno solo dopo avere valutato l’opportunità e l’efficacia di un attacco esterno.

F&R: Qual è l’attrezzatura che preferisci e perché?

LP: La mia attrezzatura preferita è la lancia. Questo perché quando si parla della lancia molti dei miei studenti ritengono di “sapere già tutto quello che c’è da conoscere”, purtroppo molto spesso non è così. Noto a volte una mancanza nelle conoscenze di base. Si è così concentrati sugli equipaggiamenti in dotazione ad alto contenuto tecnologico che si perdono di vista gli strumenti di base. Quando parlo loro di come utilizzare correttamente la lancia colgo l’occasione di rinforzare concetti base.

F&R: Cosa distingue la struttura per la quale operi rispetto agli altri?

LP: La risposta è abbastanza semplice, siamo il primo (e al momento unico) centro di formazione in Italia ad usare più simulatori a caldo che utilizzano combustibile solido di classe A. Ve ne sono degli altri ma con solo un simulatore. Noi ne abbiamo alcuni a caldo ed una struttura per esercitazioni con fumo freddo.

Abbiamo cominciato circa dieci anni fa cercando di capire cosa si stava realizzando in Europa. Svezia, Germania, Francia, Portogallo, Belgio e Croazia sono stati le mete dei nostri viaggi per acquisire la necessaria conoscenza per condurre delle esercitazioni con fuoco reale sicure ed efficaci. Adesso abbiamo più di 30 istruttori abilitati con centinaia di allievi formati. Tra questi annoveriamo anche gli istruttori dell’Aeronautica Militare Italiana. Possiamo inoltre realizzare corsi tenuti in tedesco ed inglese combinando una formazione con fuoco reale di prima classe ad un territorio stupendo.

F&R: Qual è il tuo motto preferito quando si parla di lotta all’incendio?

LP: Non rovente da bruciare ma caldo per informare (Not hot to burn but warm to inform). Non è dimostrando quanto bravi siamo a resistere al calore che rendiamo il miglior servigio ai nostri studenti. Dimostriamo di essere bravi quando ricreiamo le condizioni migliori per l’apprendimento prefisso. (la paternità di questa frase è di Nisse Bergstrom of Sandö Fire college)

fire-rescue

Cliccando sull’immagine si apre un link per scaricare la rivista contenente l’intervista originale in inglese

A learning experience (Un’esperienza formativa)

Come già successo in passato ospito un articolo di un collega. In questo caso è un collega olandese, Lauran Welling.

lauran-welling-bio

Lauran è un istruttore professionale che opera per uno dei leader mondiali della formazione: Falck Fire Academy (Per chi fosse interessato questo è il sito web: http://www.falck.nl/en/fire_academy/).  Egli è impiegato presso il centro di formazione di Rotterdam, città nella quale presta anche la sua opera di vigile del fuoco volontario. Queste sue attività strettamente correlate tra loro sono il frutto di essere cresciuto in una famiglia dove l’emergenza era di casa (EMS). A causa di alcuni “quasi incidenti”, ha deciso di impegnarsi nel diffondere le conoscenze acquisite al fine di portare il proprio contributo per migliorare la risposta agli incendi. Ha un canale yuotube dove posta alcuni video formativi: https://www.youtube.com/channel/UCQxjKpZ38MH5JHI_eHagFiw

In questo articolo dopo una breve introduzione, ci racconta di come delle situazioni apparentemente di routine e usuali si possono trasformare in eventi significativi e che lasciano il “segno”.  Nel contempo però possano essere uno sprone per essere aggiornati e a non aver paura dei cambiamenti.

Buona Lettura!

 

A learning experience  by Lauran Welling

Brotherhood.

lauran-welling

All over the globe whenever you talk to a brother or sister firefighter he or she’ll tell you that there is no better job on the planet. Living in a building for 24 hours with a crew which through time becomes your family is not just something you’ll find in any other job. The best job in the world but not one without danger.

In the past few years I’ve been able to get used to that feeling. Being a volunteer firefighter in Rotterdam (The Netherlands) means that you are able to fill in open spots in the retained schedule during holiday periods and sickness of colleagues. Due to the fact that I’ve been earning my money working in the offshore industry I had loads of time and I have been able to get to know a decent amount of my colleagues.

Near Miss

It’s Monday 5 September 2012 when I report to fire station Baan Rotterdam, one of the busiest houses in The Netherlands. After dealing with a small fire on a boat we nearly had our tools and equipment back on the truck when dispatch reported a building fire just a few streets away from our position. At this time, I had been in and around fire houses almost my whole life, did my courses and had been present at every training moment. Due to what I now understand as a under ventilated fire and a wrongful created flow path by me and my crew and the lack in gas cooling we were surprised by a form of rapid fire progress.  After my shift, I came home and started to wonder: Why did the event occur? What did we do wrong? How was I able to prevent such things from happening?

Changing Jobs

And so, my search for knowledge begun. I changed jobs and started to work as a full-time fire instructor at Falck Fire Academy. When I became an instructor, I quickly learned that a whole new world just opened. Every topic: It doesn’t matter if it is compartment fire behaviour, industrial firefighting, hazmat response or any other topic for that matter. There is so much more to learn than your basic firefighting education teaches you.

By listening to my colleagues, I learned a lot and today I feel very fortunate that I work in an environment where I can spar on a daily basis with my colleagues. If it wasn’t for them I would still have the same outdated and limited knowledge.

Accident lauran-welling-burns

It’s the 28 of January 2015 when disaster strikes. During a training session, I got burned badly. I was assisting a colleague with his training when I was simply standing to close to the fire. I thought I understood and I thought I could predict what would happen. My colleagues showed me the exercise hundreds of times and I used the same exercise to show trainees what the radiative heat of a 9 m2 liquid spill means. By standing too close, flames rolled over my shoulders, shot beside my helmet and touched my face.   As a result, I got second degree burns on my lips, nose, eyelids and cheeks.

I learned a hard lesson when I thought I knew what was coming. Similar as the building fire, afterwards I walked around with the question: Why? … In this case, it was a change in weather conditions. Conditions I couldn’t have predicted but as a qualified firefighter I should have known to take a safer distance from the fire.

Science

Often we respond or relate to our experience as was I when I made the decision to stand on that particular point. By asking the why question over and over again, I saw the lack in actual proven theories and tests. Today we live in the lucky circumstances that there is knowledge to be found on every internet page and on loads of forums. Testing and small training props are the key to bring science to the fire service. To give an example: I’ve spend numerous times in a Split-Level Cell. A Containerised training object where firefighters can learn about fire behaviour.

It was only after I burned my first doll houses and talking to Shan Raffel & Paul Grimwood that I started to make sense of what I was actually seeing when I enjoyed a Split Level Cell Training. It was only then When I started to connect the dots and danger levels to a real fire.

Change

You would think that when one has a solid story it would result in the change of tactics. Many of my teachers will tell you that this is a slightly more difficult problem than you would think. Everyone has his own reason not to change. There are plenty studies and articles to be found about this subject.

Leadership

Since I just turned thirty I’m not in a position to correct anything about what’s right or wrong on this subject. What I can is write a little about the problems every fire service will have if you won’t support your younger crew. My lieutenants and chief officers come from a great deal of experience, and right or wrong, safe or unsafe, they have always been able to put fire out. Due to newer building regulations, better public safety programs and numerous of other measures grades show a decade in fires and accidents. That decay doesn’t mean that those fire and accidents will never happen again. With the knowledge that fires will keep getting harder to fight there might be one day that the whole team of responding members won’t have the support of that experience. If you’re in a leadership position I would recommend the embrace of change. Change where you will support the younger members of the team and put them in front when they have something to share. After sharing, don’t forget that they still need your guidance and your support within the current crew.

Thanks

Through this text I would like to say a special thanks to all the people I’ve been learning from in the past few years. The craft of fighting fire is probably the most diverse craft you will ever find and only through guidance, teaching and humility we will be able to get better, create more and better training programs and grow closer as an international brotherhood.

Thanks!

This article was made possible by:

[1] Gerben Welling [2] Marcel Woestenburg [3] Shan Raffel [4] Karel Lambert [5] Paul Grimwood [6] Jelle Groenendaal [7] Benjamin Walker [8] Victor Groenewegen [9] Dennis Kusters [10] John van Delzen

Seminario Brescia 2017: presentazioni 3/3 “La scelta della lancia”

16683961_1363565890367757_6015542038633588229_n

Come per la presentazione sulla ventilazione si richiama al fatto che la semplice sequenza di slide rappresenta solo una minima parte.

In questo caso si parla di attrezzatura, nello specifico di lance. Durante il seminario è stato ribadito che la risposta ad un problema tattico non è risolvibile con un’ attrezzatura. O per meglio dire, raramente lo è. La soluzione di un problema tattico prevede una risposta strategica. Nella maggior parte dei casi i margini di miglioramento più sensibili si hanno quando si lavora sulle persone. Una possibile risposta strategica è quindi quella di uniformare (verso l’alto) il livello di conoscenza del personale che opera all’interno della squadra o del comando (se si ragiona in termini più ampi). Come sempre prima cerchiamo di realizzare quello che possiamo fare da subito e con le risorse che ognuno di noi dispone.

Buona lettura!

 

 

Seminario Brescia 2017: Presentazioni 2/3 “Ventilazione”

Qui sotto è possibile visualizzare la presentazione utilizzata durante il seminario. Mi preme sottolineare che la sola sequenza di slide rischia di non trasmettere il messaggio in maniera corretta ed esaustiva, dal momento che vengono utilizzate come supporto e traccia della voce narrante. Buona lettura!

 

 

Se gli scenari d’incendio sono cambiati   cosi tanto negli ultimi anni, le nostre tattiche e tecniche dovrebbero cambiare  di conseguenza.

  “…il modo in cui l’abbiamo sempre affrontato, non è sufficentemente corretto”

  Steve Kerber ULFSRI (USA)

Strumenti, tecniche e tattiche combinati tra loro permettono operazioni più sicure,  più efficienti e più efficaci.

  3T Firefighting

Arturo Arnalich